13.07.2018 h 14:59 commenti

Terreni trasformati in discariche, il sindaco ordina al proprietario di bonificare entro un mese

Le ordinanze emesse questa mattina per due appezzamenti a Paperino dove si trova di tutto, anche una barca e la carcassa di un'auto oltre a pneumatici, bombole del gas e rifiuti di ogni tipo. Le segnalazioni sono partite dai residenti della zona
Terreni trasformati in discariche, il sindaco ordina al proprietario di bonificare entro un mese
Il sindaco Matteo Biffoni ha emesso stamani 13 luglio due ordinanze a carico di un cittadino pratese, responsabile del deposito incontrollato di rifiuti in due terreni in zona Paperino. Le ordinanze impongono la rimozione immediata e il corretto smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi presenti nelle due aree di sua proprietà.
I provvedimenti arrivano in seguito alle segnalazioni da parte dei residenti della zona al Corpo Forestale dei carabinieri di Prato e alla polizia municipale che nei mesi scorsi avevano sequestrato l'area. Tra i vari oggetti rinvenuti vi sono anche una barca, cumuli di materiale legnoso, plastico, metallico e ferroso, vari pannelli isolanti, varie batterie esauste e altri componenti - tra cui un motore - per autoveicoli, fusti metallici contenenti tracce di olio per motori e un fusto vuoto contenente vari filtri per l'olio, un veicolo Fiat Stilo fuori uso contenente al suo interno due idropulitrici, un cumulo di materiale vario bruciato e altri vari cumuli di rifiuti costituiti da apparecchiature elettroniche ed elettriche, bombole del gas, pneumatici fuori uso, due ciclomotori fuori uso, varie onduline in plastica, rifiuti inerti da demolizioni, due cisterne in plastica e altri rifiuti di varia natura.
Insieme al proprietario sono chiamati a rispondere anche altri quattro persone, corresponsabili dello stoccaggio abusivo. Se entro 30 giorni dalla notifica non si sarà provveduto alla bonifica dell'area, l'amministrazione potrà procedere d'ufficio rivalendosi poi nei confronti dei soggetti obbligati.
Un terzo provvedimento è stato invece emesso, sempre stamani, a carico di un'impresa edile per ordinare la rimozione e lo smaltimento - nel rispetto delle procedure previste dalla legge - della copertura in amianto presente sul tetto di un fabbricato in via Orione, entro diciotto mesi. In caso di inottemperanza nei termini previsti, il Comune di Prato interverrà d'ufficio per la rimozione della copertura in questione, con successiva rivalsa di spese nei confronti dei proprietari.
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  13.07.2018 h 14:59

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.