12.11.2017 h 00:01 commenti

Tenta di impiccarsi alle sbarre della finestra, detenuto salvato in extremis

È successo nel reparto di alta sicurezza del carcere della Dogaia. L’intervento tempestivo di un agente ha salvato la vita all’uomo che sta scontando una pena per reati di stampo mafioso. Insorge la Funzione pubblica Cgil Prato che critica l’organizzazione del lavoro nel carcere e la cronica carenza di agenti di polizia penitenziaria
Tenta di impiccarsi alle sbarre della finestra, detenuto salvato in extremis
Un detenuto ha tentato il suicidio nella cella del carcere della Dogaia dove è rinchiuso. È successo poco dopo le 13 di oggi, sabato 11 novembre. L’uomo, che ha tentato di impiccarsi alle grate della finestra utilizzando le lenzuola, è stato salvato in extremis dall’agente in servizio. Dopo le prime cure, il detenuto, italiano, recluso per reati di stampo mafioso, è stato trasferito all’ospedale Santo Stefano dove è attualmente ricoverato. La Funzione pubblica Cgil Prato per bocca del segretario provinciale Sandro Malucchi torna ad alzare la voce sulle condizioni di sicurezza del carcere e degli agenti di polizia penitenziaria. “Solo la tempestività e la grande capacità operativa dell’unico agente in servizio al reparto ha scongiurato la tragedia - si legge in un comunicato - da troppo tempo gli agenti che lavorano presso il reparto Alta Sicurezza lamentano le scarse condizioni di lavoro a cui sono sottoposti. Al momento del gesto era presente un solo agente e in tutto il reparto era in atto, a causa della cronica carenza di personale, la vigilanza dinamica che consiste in un so,o agente a cavallo delle due sezioni di Alta Sicurezza che, in più, si trovano su due piani differenti”. E ancora: “ Si torna a lamentare un’organizzazione che prevede in tutto il reparto un solo agente in servizio la notte con detenuti a rischio evasione e con fina pena lunghi, detenuti a grandissima sorveglianza. L’episodio di oggi - conclude la Fp Cgil Prato - è la dimostrazione del fallimento del sistema penitenziario pratese attuato dagli attuali vertici ed è conseguenza delle condizioni organizzative in cui versa l’istituto”.
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  12.11.2017 h 00:01

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.