20.09.2016 h 15:22 commenti

Strage Macrolotto, la parte civile contro uno dei fratelli Pellegrini: "Vendite e donazioni sospette prima della condanna"

L'avvocato Tiziano Veltri, che cura gli interessi dei parenti delle sette vittime del rogo di via Toscana, chiede al giudice di revocare gli atti attraverso cui Giacomo Pellegrini ha destinato alle figlie un appartamento e ceduto quote societarie ad un acquirente. "Quei beni servono a risarcire le parti civili"
Strage Macrolotto, la parte civile contro uno dei fratelli Pellegrini: "Vendite e donazioni sospette prima della condanna"
I familiari delle sette vittime di via Toscana chiedono al giudice di bloccare il passaggio di proprietà di un appartamento e di quote societarie fatto da uno dei proprietari del capannone distrutto dall'incendio del primo dicembre 2013 e già condannato in primo grado a sei anni e sei mesi di reclusione per incendio colposo e omicidio colposo plurimo in concorso con i gestori di fatto della confezione Teresa Moda condannati in un procedimento parallelo. Il legale dei parenti degli operai, Tiziano Veltri, ha chiesto al tribunale di revocare gli atti attraverso i quali Giacomo Pellegrini ha destinato alle figlie la piena proprietà di un appartamento e ha ceduto ad un acquirente quote di una società. Secondo Veltri, queste operazioni costituirebbero un danno per i creditori, vale a dire per le parti civili che hanno intentato la causa per il risarcimento del danno dopo l'incendio della confezione Teresa Moda. Il giudice deciderà il 29 settembre. Nel processo di primo grado, Giacomo e Massimo Pellegrini, proprietari del capannone di via Toscana attraverso l'immobiliare Mgf (responsabile civile), sono stati condannati al pagamento di una provvisionale di 500mila euro in favore dell'Inail; per tutte le altre parti (oltre ai parenti degli operai deceduti, figurano Cgil, Filctem Cgil, Cisl, Uil e Comune di Prato) il risarcimento dovrà essere stabilito in sede civile. L'avvocato Tiziano Veltri, da molto tempo, ancor prima della sentenza di condanna, si è concentrato sul patrimonio dei fratelli Pellegrini seguendo passo passo ogni modifica per evitare “interventi a danno dei creditori”. In particolare per l'appartamento che Giacomo Pellegrini ha destinato alle figlie, nella richiesta di revocatoria vengono messe in fila le date: richiesta di giudizio immediato per gli imputati ad aprile 2014, prima udienza 25 giugno 2014, atto di destinazione dell'immobile 22 maggio 2014; la cessione delle quote societaria è invece del 10 giugno 2014. Intanto non è stato ancora fissato l'appello per i fratelli Pellegrini, assistititi dagli avvocati Valignani e Bisori. Nel processo d'appello per i gestori della Teresa Moda, difesi dagli avvocati Zanobini e Geri, i giudici hanno confermato la condanna a otto anni e otto mesi per Lin You Lan e a sei anni e dieci mesi per la sorella Lin Youli; assolto invece il marito di quest'ultima che il tribunale di Prato aveva condannato a sei anni e mezzo.   
 
Edizioni locali collegate:  Prato
Leggi gli Speciali:  Tragedia Macrolotto, i processi

Data della notizia:  20.09.2016 h 15:22

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.

 
 
 
 

Speciale