14.03.2018 h 11:28 commenti

Strage di finestrini di auto a Figline e a La Querce dove i cittadini si riuniscono per decidere come difendersi

Nel fine settimana vetri spaccati a una decina di macchine parcheggiate a ridosso della ferrovia. Questa notte il bis a Chiesanuova e nella zona Nord. Stasera riunione al circolo I Risorti. Aldo Milone: "Situazione insostenibile"
Strage di finestrini di auto a Figline e a La Querce dove i cittadini si riuniscono per decidere come difendersi
I finestrini di una decina di macchine spaccati, mandati in frantumi per rubare qualche spicciolo e poco altro. Una brutta sorpresa per i residenti di via di Cerigiole e via Cellerese, alla Querce, che nell'ultimo fine settimana hanno fatto i conti di nuovo con la scia di spaccate. Stanotte 14 marzo, invece, è toccato ad altri cittadini residenti a Chiesanuova e Figline, che si sono trovati con l'auto danneggiata.

“Sabato scorso (10 marzo) – il racconto di Alessio Zipoli – ci siamo trovati con questo spettacolo, ormai va avanti così da tempo e davvero non ne possiamo più. Siamo in balia del nulla, vogliamo sapere perché alla Querce i controlli sono pochi e soprattutto vogliamo sapere come fare a difenderci”. La tensione è alta. Oggi, mercoledì 14 marzo, alle 21, al circolo I Risorti i residenti si incontreranno per capire come muoversi.

“Non so se si può parlare di ronde, di controlli da organizzare autonomamente per presidiare il territorio, oppure se si dovrà fare ricorso alla vigilanza privata – ancora Alessio Zipoli – fatto sta che bisognerà prendere delle contromisure per evitare che questa situazione di degrado e pericolo continui ancora. Venerdì notte sono partiti dal Rosi dove hanno spaccato tre macchine e sono arrivati fino alla Querce dove ne hanno spaccate altre sei. I danni sono ingenti, carrozzerie e finestrini rotti per qualche moneta o un paio di occhiali di sole. Chiediamo controlli mirati, è l'ora di farla finita con furti e spaccate”.

E un'altra auto vittima dei ladri è stata segnalata da un nostro lettore In via Martiri di Belfiore a Chiesanuova. "Stamani - dice il proprietario - ho trovato la mia Nissan Juke con il finestrino spaccato e dentro tutto rovistato".
Mentre è il capogruppo di Prato Libera e Sicura Aldo Milone a segnalare "un'altra strage di auto con finestrini rotti e fiancate danneggiate". L'episodio si è verificato questa notte 14 marzo a Prato, zona Figline. 
"Ormai episodi del genere non si contano più anche perché sono ripetitivi - dice Milone - . E menomale che qualche primo cittadino, da mesi, continua a ripetere che i reati sono in calo. Se poi a questi episodi aggiungiamo le spaccate con relativi furti ai tanti esercizi commerciali, verificatisi dall'inizio dell'anno, ritengo che si sia fatto, per usare un termine ironico, bingo. Purtroppo le stesse norme penali sono carenti o assolutamente inefficaci nei confronti di chi commette tali reati, come abbiamo visto con l'autore del furto con spaccata ai danni del Bar La Scala che è stato immediatamente scarcerato con il solo obbligo della firma. Allora l'unico modo per cercare di prevenire tali attività criminose è avere personale sufficiente delle Forze di Polizia tali da poter impiegare anche di notte per quanto riguarda il controllo del territorio. Questa carenza, ormai cronica, non è stata mai colmata dagli ultimi Governi. Per questi motivi, l'invito che ho rivolto ai nostri neoparlamentari circa l'adoperarsi per una modifica legislativa in ordine alla custodia cautelare, è più che attuale". 
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  14.03.2018 h 11:28

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.