08.08.2018 h 13:31 commenti

Stadio, il Tar boccia il ricorso d'urgenza di Toccafondi. Tutto rimandato a settembre

Intanto la società biancazzurra ha presentato ricorso al Collegio di garanzia del Coni contro la bocciatura del ripescaggio da parte della Lega Pro
Stadio, il Tar boccia il ricorso d'urgenza di Toccafondi. Tutto rimandato a settembre
Nel braccio di ferro legale tra Ac Prato e Comune per la concessione dello stadio, il primo round va all'amministrazione comunale.
Ieri, 7 agosto, il Tar della Toscana ha rigettato la richiesta di sospensiva urgente (inaudita altera parte) della revoca del Lungobisenzio da parte del Comune all'Ac Prato scattata durante il duro scontro per la travagliata e mai decollata cessione della società da parte del suo patron Paolo Toccafondi (LEGGI).
Bocciando il procedimento d'urgenza richiesto il 1° agosto, i giudici amministrativi hanno rinviato al 12 settembre prossimo la decisione sulla sospensiva ordinaria. "Segno che il nostro atto non è poi così sbagliato" ha commentato il vicesindaco con delega allo sport, Simone Faggi, non appena ha appreso la notizia. 
Intanto come annunciato, la società biancazzurra ha presentato ricorso al Collegio di garanzia del Coni contro la decisione della Lega Pro che nei giorni scorsi ha bocciato la richiesta di ripescaggio presentata da Donatella Toccafondi, attuale vertice del Prato vista l'inibizione per 20 mesi inflitta al fratello Paolo per la vicenda dei baby calciatori africani. Bocciatura determinata proprio dalla mancanza di uno stadio dove disputare le partite (LEGGI)
A vantaggio del Prato può tornare il fatto che la Lega Pro ha deciso di posticipare l'inizio dei campionati a causa dell'attuale stato di incertezza generale. Il tempo gioca un ruolo fondamentale in questa partita.
E.B.
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  08.08.2018 h 13:31

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus

Digitare almeno 3 caratteri.