19.04.2017 h 16:14 commenti

Sparatoria al campo nomadi, feriti alle gambe madre e figlio

E' successo nel primo pomeriggio di oggi in via Manzoni a Iolo. Sul posto personale del 118 e la Squadra Mobile. I feriti hanno lesioni non gravi. Ancora molte cose da chiarire sulla dinamica
Sparatoria al campo nomadi, feriti alle gambe madre e figlio
Due persone, madre e figlio di etnia sinti, sono rimaste ferite alle gambe durante un episodio, ancora da chiarire, avvenuto nel campo nomadi di Iolo in via Manzoni. E' successo attorno alle 15.30 di oggi pomeriggio, mercoledì 19 aprile, quando sono stati esplosi alcuni colpi di pistola. 
Sul posto le ambulanze, le Volanti e il personale della Squadra Mobile di Prato. Non è ancora chiaro la dinamica di quanto successo. L'allarme sarebbe stato dato almeno mezzora dopo i fatti. A chiamare la polizia è stato poi il personale del 118. Testimoni parlano di una sparatoria ed effettivamente sono stati recuperati dalla polizia tre bossoli di pistola, a quanto pare consegnati da uno degli abitanti del campo.
I due feriti sono stati portati al pronto soccorso. Si tratta di madre e figlio, 40 anni lei e 20 lui. Entrambi presentano ferite di lieve entità alle gambe, ancora non è chiaro se procurati dai colpi di pistola, che potrebbero averli raggiunti di striscio, oppure in conseguenza di una caduta mentre cercavano di scappare dall'aggressore. 
Secondo la ricostruzione fornita dalla polizia, madre e figlio sarebbero stati minacciati da un uomo che impugnava una pistola dalla quale sono partiti gli spari. I poliziotti stanno interrogando gli abitanti del campo, cercando di acquisire elementi utili a fare luce sull'accaduto che presenta ancora molte ombre. L'indagine è seguita dal sostituto procuratore Lorenzo Boscagli. I due feriti sono stati sentiti dagli inquirenti. La vicenda potrebbe essere legata a contrasti di natura familiare.
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  19.04.2017 h 16:14

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus

Digitare almeno 3 caratteri.