09.07.2018 h 17:26 commenti

Sciopero e picchetto dei lavoratori di un'azienda cinese di Montemurlo: "Turni massacranti e paga irrisoria"

Gli operai sostenuti dal sindacato Si Cobas chiedono il rispetto dell' orario di lavoro e la giusta retribuzione. La trattativa con la proprietà ha portato a ridurre le ore lavorative a 40 la settimana.
Sciopero e picchetto dei lavoratori di un'azienda cinese di Montemurlo: "Turni massacranti e paga irrisoria"
Sciopero, ieri 9 luglio, dei lavoratori della Ds di Montemurlo, iscritti al sindaco Si Cobas, per chiedere la regolarizzazione dei contratti, in particolare per i dieci dipendenti di origine pakistana, impegnati nella sede di via dell’Artigianato, gestita dall'imprenditore cinese Zhang Xiangguo.  
“Abbiamo organizzato questo picchetto – spiega Luca Toscano responsabile settore tessile - per chiedere un incontro con la proprietà visto che le condizioni di lavoro sono inaccettabili: turni di 12 ore sette giorni su sette per uno stipendio di mille euro al mese, quando il contratto prevede 40 ore lavorative alla settimana”. Una trattativa che è durata diverse ore e ha portato alla firma dei contratti a tempo indeterminato per 40 ore la settimana. I lavoratori ruotano su varie sede produttive della Ds.
“In un prossimo incontro – continua Toscano - verrà discusso del pagamento per sanare la situazione e quindi restituendo le differenze retribuite accumulate negli anni. Una prima vittoria di grande importanza per iniziare a combattere magazzino per magazzino, fabbrica per fabbrica lo sfruttamento sfrenato che subiscono i lavoratori di tutta l'area pratese, in particolare nel settore tessile”.
Contemporaneamente è stato indetto, sempre da Si Cobas, uno sciopero alla GM per chiedere maggiore sicurezza dopo l’infortunio sul lavoro che si è verificato la scorsa settimana.
 
Edizioni locali collegate:  Montemurlo

Data della notizia:  09.07.2018 h 17:26

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.