04.06.2020 h 22:03 commenti

Scintille nel gruppo della Lega, Stanasel avverte Curcio: “Chi non vota come il gruppo è libero di andare via”

La frattura di oggi si è registrata sulla mozione dei Cinque Stelle per prevedere una pattuglia fissa della municipale in centro.
Scintille nel gruppo della Lega, Stanasel avverte Curcio: “Chi non vota come il gruppo è libero di andare via”
Scintille oggi pomeriggio, 4 giugno, in Consiglio comunale a Prato. Non tra la maggioranza e l’opposizione ma bensì dentro alla Lega. Sulla mozione del Movimento 5 Stelle per l’istituzione di una pattuglia fissa della Municipale in centro per controllare la movida, il consigliere Marco Curcio non ha seguito l’indicazione di voto del gruppo, contrario al documento, e al momento del voto è uscito dall’aula. Scelta preceduta dall’annuncio della sua astensione. È già successo, anche recentemente, ma stavolta i colleghi di partito non hanno buttato giù il rospo in silenzio rimandando ad altre sedi il chiarimento. Claudio Stanasel, nell’annunciare la dichiarazione di voto per tutta la Lega, non ha usato giri di parole: “Chi non vota come il gruppo è libero di andare via”. Frase ripetuta due volte tanto da far intervenire il presidente del Consiglio comunale, Gabriele Alberti, che lo ha invitato a trattare altrove le dinamiche interne del partito. La tensione tra Curcio e il resto del gruppo è alle stelle. Il rischio che possa esplodere e tradursi in atti concreti da entrambe le parti si fa più alto ogni settimana che passa. Ricomporre le fratture ormai appare sempre più complicato. La seduta si è chiusa con la votazione del documento dei Cinque Stelle che è stato bocciato con i voti contrari di tutta la maggioranza, della Lega e di Fratelli d’Italia.
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  04.06.2020 h 22:03

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.