23.11.2021 h 10:15 commenti

Scarseggiano i vaccini antifluenzali, garantita la copertura solo per anziani e fragili

Poche le fiale a disposizione rispetto alle richieste, anche da parte di persone over 40. Difficoltà di approvvigionamento per i medici dopo che la Regione ha stabilito un piano di consegna scaglionato in tre tranche. Presto anche i farmacisti potranno vaccinare contro l'influenza
Scarseggiano i vaccini antifluenzali, garantita la copertura solo per anziani e fragili
Scarseggiano i vaccini antinfluenzali, la consegna ai medici di famiglia va a rilento per una scelta regionale di consegnare le fiale in modo più scadenzato rispetto agli scorsi anni.
L'ultima consegna avverrà in settimana, ma il numero di vaccini è inferiore allo scorso anno. “Manteniamo le priorità stabilite dall'Asl – spiega Alessandro Benelli segretario provinciale Fimmg - per cui prima le persone anziane e i fragili poi eventualmente gli altri. Del resto le consegne sono state stabilite in tre tranche e via via procediamo con gli appuntamenti”.
A confermare la scarsità di dosi anche Sergio Bottari presidente provinciale di Federfarma: “Ci sono problemi di approvvigionamento anche per la scarsità del vaccino, la cui produzione non può essere aumentata oltre un certo limite. Ovviamente le domande da parte delle Regioni, anche quest'anno come lo scorso, sono in aumento e quindi dipende dagli accordi fatti”.
La priorità alle categorie indicate dalla Regione, in un regime di scarsità, penalizza le altre che fanno fatica ad acquistare le fiale. “I vaccini destinati alla vendita – continua Bottari – effettivamente sono molto pochi e ci vengono consegnati al netto di quelli destinati ai medici di famiglia”.
Per ora non è ancora partita l'autorizzazione per i farmacisti a vaccinare contro l'influenza, continua però la campagna per il Covid con buoni risultati, come del resto fra i medici di famiglia: “Gli over 80, anche quelli allettati – continua Benelli – sono quasi tutti vaccinati, bene anche i fragili, abbiamo anche qualche new entry di no vax pentiti, probabilmente in risposta alle restrizioni previste dal Governo, che chiedono la prima dose. Arrivano già richieste per la terza degli over 40 e dopo 5 mesi dall'ultima iniezione, ma per loro bisogna aspettare il decreto. Per ora vacciniamo con Pzifer autorizzato anche per chi è stato vaccinato con Jonshon e Moderna”.
 

Data della notizia:  23.11.2021 h 10:15

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.