12.01.2019 h 09:31 commenti

Sala giochi del centro ostaggio di una banda di balordi, la proprietaria: “Basta, chiudo l'attività”

Il locale è da mesi nel mirino di alcuni giovani che causano danni, minacciano dipendenti e clienti senza preoccuparsi delle telecamere di sicurezza installate sia all'esterno che all'interno. In una occasione, uno dei protagonisti si è abbassato i pantaloni, si è accovacciato e ha urinato sul pavimento. Due le denunce presentate. La titolare si è rassegnata all'idea di chiudere
Sala giochi del centro ostaggio di una banda di balordi, la proprietaria: “Basta, chiudo l'attività”
Minacce e danneggiamenti all'ordine del giorno da ormai sei mesi. Un vero inferno per la titolare della sala slot Jackpot di piazza Mercatale che, stanca di subire l'atteggiamento violento di un gruppo di magrebini, sta pensando di rinunciare alla sua attività abbassando per sempre la saracinesca. Almeno un paio le denunce già presentate ai carabinieri, altrettante quelle pronte per essere depositate. Yang Xiaoian sta per arrendersi: “Chiudo tutto e me ne vado, così è impossibile continuare a lavorare”.

Ci sono le immagini delle telecamere di sicurezza installate all'interno del locale a raccontare quello che succede: spintoni e minacce ai dipendenti da parte di giovani che si presentano al bancone e fanno i padroni. Scene che non hanno bisogno di troppe spiegazioni: un uomo che entra, si abbassa i pantaloni, si accovaccia e urina sul pavimento; un altro che cerca di entrare ma quando viene respinto colpisce al volto uno dei clienti scaraventandolo a terra; un altro che prende a calci la porta di ingresso mandandola in frantumi.

Non ci sono richieste di denaro o di altro alla base dei continui attacchi che tormentano la titolare e i lavoratori della sala slot che hanno paura e invocano tutela in una piazza che la sera in particolare diventa teatro di spaccio di droga e regolamento di conti tra bande rivali.
Intanto la polizia, nella serata di ieri, venerdì 11 gennaio, ha effettuato un servizio di vigilanza e controllo in diversi esercizi commerciali finiti nel mirino per la presenza di persone con precedenti penali. Il lavoro degli agenti ha riguardato anche la sala giochi di piazza Mercatale dove sono stati identificati settanta clienti, alcuni di loro marocchini pregiudicati e non in regola con il permesso di soggiorno. Tutti sono stati accompagnati in questura per l'iter amministrativo previsto in caso di documenti non in regola.  
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  12.01.2019 h 09:31

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 
 

Digitare almeno 3 caratteri.