17.06.2015 h 13:47 commenti

Rogo via Toscana, il Riesame dissequestra capannone: doveva servire a risarcire le parti civili

L'immobile si trova in via Val d'Aosta ed è intestato per metà al marito di Lin You Lan, gestore di fatto della confezione Teresa Moda. Era stato sequestrato dal gip
Rogo via Toscana, il Riesame dissequestra capannone: doveva servire a risarcire le parti civili
Il tribunale del Riesame di Prato ha annullato il provvedimento di sequestro di un immobile intestato per metà al marito di Lin You Lan, gestore di fatto della confezione Teresa Moda distrutta dall'incendio che il primo dicembre 2013 costò la vita a sette operai cinesi. La donna, considerata imputata principale del processo con rito abbreviato che si è chiuso lo scorso dicembre, è stata condannata assieme alla sorella e al cognato per il rogo di via Toscana.
Il sequestro era stato disposto dal giudice delle udienze preliminari Silvia Isidori su richiesta dell'avvocato Tiziano Veltri, parte civile per conto di alcuni parenti delle vittime e dell'unico operaio sopravvissuto alla tragedia. Veltri aveva ritenuto la proprietà riconducibile a Lin You Lan e quindi aggredibile ai fini dei risarcimenti. Il Riesame ha accolto il ricorso presentato da Lin You Lan, discusso venerdì passato dal suo difensore Gabriele Zanobini, e dunque l'immobile è tornato nella disponibilità degli intestatari. Si tratta dello stesso capannone, situato in via Val d'Aosta, che nelle settimane successive al rogo era stato occupato dai parenti delle vittime e dall'operaio superstite che chiedevano ai gestori di fatto della Teresa Moda rispettivamente il risarcimento e lo stipendio.
Il sequestro del capannone sarebbe servito a garantire tre parenti di secondo grado mai risarciti in Cina, a differenza dei familiari di primo grado, e l'operaio che quella mattina scampò alla morte e che è ancora in attesa della busta paga. "Rispetto il provvedimento come rispetto tutte le decisioni dell'autorità giudiziaria - è il commento dell'avvocato Veltri - ma non lo condivido e valuterò se fare ricorso per Cassazione. Senza contare che sull'immobile c'era già la trascrizione di un preliminare di compravendita e che se dovessi vincere il ricorso difficilmente troverò ancora quella proprietà".
nt
 
Edizioni locali collegate:  Prato
Leggi gli Speciali:  Tragedia Macrolotto, i processi

Data della notizia:  17.06.2015 h 13:47

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 
 

Digitare almeno 3 caratteri.

 
 
 
 

Speciale