07.03.2019 h 19:35 commenti

Rifiuti, tracciabilità di prodotto e costi energetici, il distretto tessile chiede aiuto all'Europa

Oggi in Salone consiliare la visita della Commissaria europea al Mercato interno Elzbieta Bienkowska che dopo ha visitato l'azienda tessile Manteco
Rifiuti, tracciabilità di prodotto e costi energetici, il distretto tessile chiede aiuto all'Europa
Riutilizzo degli scarti tessili, agevolazioni per le aziende enrgivore e tracciabilità della filiera produttiva. Il distretto di Prato chiede nuovamente aiuto all'Europa su questi tre punti fondamentali per la sua sopravvivenza. Lo fa presentando un documento unitario alla commissaria europea al mercato interno, all’industria e alle Piccole e medie imprese, la polacca Elzbieta Bienkowska, che oggi ha fatto tappa a Prato per incontrare le istituzioni e le categorie economiche e sociali del territorio.
La commissaria europea è impegnata su tutti e tre i fronti: «Non vogliamo il protezionismo ed erigere mura, ma allo stesso tempo non intendiamo essere ingenui verso la concorrenza sleale che viene dall'esterno - ha detto - Vogliamo valutare cosa succede intorno a noi e i Paesi che nel mondo ci sono partner e amici, in un'ottica di commercio internazionale equo. La nostra strategia industriale europea "ombrello" che copre diversi ambiti si basa su digitalizzazione, economia circolare e sostenibile e competenze».
Al momento però non sembrano esserci provvedimenti concreti che portino a soluzioni positive per il manifatturiero pratese e italiano. Soprattutto per la tutela del marchio Made In come spiega con chiarezza l'eurodeputato Nicola Danti che però offre anche una via d'uscita. "Nel Consiglio europeo c'è una maggioranza di 16 Paesi contrari all'obbligatorietà dell'indicazione d'origine - spiega Danti - questa è quindi una battaglia che per ora in Europa non riusciremo a sfondare. Però abbiamo due elementi che ci aiutano. Il primo sono le blockchain che ci permettono di tracciare tutta la filiera produttiva. Ecco perchè è necessario che l'innovazione tecnologica entri nel processo produttivo. Il secondo punto è il regolamento sulla sorveglianza del mercato di cui sono stato relatore, che permetterà di mettere in rete le 520 autorità che fanno sorveglianza sui prodotti immessi sul mercato, soprattutto extra Ue, in modo da togliere i prodotti falsi e pericolosi". 
La commissaria europea ha poi fatto visita all'azienda tessile Manteco di Montemurlo. "10 anni fa - afferma il sindaco Matteo Biffoni - artigiani, imprenditori, sindacati scesero in strada allo slogan Prato non deve chiudere. C'era la crisi che mordeva, quella di una reazione unita ma in difensiva. Oggi sono orgoglioso di vedere artigiani, imprenditori, sindacati che dialogano e si confrontano, avanzano proposte e in modo costruttivo vanno avanti verso lo sviluppo e un'innovazione del distretto. Da parte nostra battiamo tutte le strade possibili per dare una mano alle nostre imprese sul fronte competitività»
Soddisfatto Nicola Ciolini, consigliere regionale del Pd: " Siamo orgogliosi di aver presentato alla commissaria Ue il quadro delle nostre iniziative e illustrato gli impegni e le proposte che partono da Prato e che interloquiscono direttamente con le migliori azioni che l’Europa sta portando avanti in questi ultimi anni. Il grande tema dell’economia circolare, infatti, legato sia al ciclo produttivo storico del distretto tessile che all’esigenza di riutilizzo degli scarti, è una priorità che abbiamo assunto anche in Regione. Particolarmente significativa, inoltre, la richiesta che abbiamo avanzato alla commissaria di riconoscere anche le aziende che lavorano alla nobilitazione del tessuto, come ad esempio le rifinizioni, nell’elenco delle aziende energivore a cui viene riconosciuto lo sconto sull’energia. Sono certo che questo incontro, che segue altre recenti iniziative intraprese dall’amministrazione comunale, porterà a sviluppi positivi nell’ambito di un rafforzamento delle relazioni tra la nostra realtà e l’Unione europea”.
 

Data della notizia:  07.03.2019 h 19:35

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 
 

Digitare almeno 3 caratteri.