28.11.2020 h 18:53 commenti

Realizzazione e gestione pubblico-privato per la nuova piscina di Iolo, un consulente dirà se si può fare

Si tratta di un'azienda di Bologna specializzata in valutazione di finanza di progetto, project financing e project leasing
Realizzazione e gestione pubblico-privato per la nuova piscina di Iolo, un consulente dirà se si può fare
Sarà un'azienda specializzata del bolognese a valutare fattibilità e congruità della proposta di partenariato pubblico/privato per realizzare la piscina olimpionica di Iolo in via Lottini al posto dell'attuale. Il Comune di Prato ha affidato la consulenza allo studio professionale KG Project srl di Bentivoglio in provincia di Bologna, specializzata in valutazione di convenienza economica, traslazione dei rischi e pubblico interesse, di proposte di finanza di progetto, project financing e project leasing. E di finanza di progetto si tratta quanto portato sul tavolo della Giunta Biffoni da un raggruppamento composto da due aziende di costruzione che hanno già firmato moltissimi impianti sportivi, Artedil di Campenni Rocco di Roma e Moretti spa di Brescia, con Ubi Leasing spa, per progettare, realizzare, finanziare e manutenere il nuovo impianto per 20 anni attraverso una locazione finanziaria.
A leggerla così sembra fili liscia come l'olio per il Comune di Prato, ma in realtà si tratta di contratti complessi il cui peso sulle casse comunali deve essere vagliato attentamente anche rispetto a una soluzione completamente pubblica. Sarà il consulente a mettere sul piatto della bilancia ogni aspetto per capire dove punterà l'ago. Costo della consulenza 13.300 euro Iva compresa. 
Il progetto, già vagliato dai tecnici comunali che hanno richiesto alcune integrazioni, è più ambizioso rispetto a quello pensato nel 2019 e presentato alle associazioni sportive.  Intanto il nuovo impianto sostituirà l'attuale anzichè integrarlo. La vasca sarà di 51 metri con ponte mobile in modo che all'occorrenza si possa dividere lo spazio in due piscine da 25 metri ciascuna. E' prevista anche una vasca più piccola per il riscaldamento degli atleti, un punto ristoro, una palestra e anche uno spazio per convegni. L'investimento si aggira attorno ai 9 milioni di euro. "Strutture come questa in Italia - afferma Luca Vannucci, assessore allo Sport - ce ne sono pochissime. A Roma e Riccione per esempio. Per noi significherebbe diventare un punto di riferimento oltre i confini regionali, si creerebbe movimento e allo stesso tempo daremmo un servizio adeguato alle società sportive del territorio. Ha una sua logica, ma dobbiamo verificare se le condizioni sono migliorative per le casse comunali, considerando anche il risparmio che otterremmo sulla manutenzione e sui costi per la copertura della piscina di via Roma che a quel punto resterebbe scoperta e utilizzabile solo per il periodo estivo e dalla rinuncia al restyling dell'attuale piscina di Iolo per il quale sono in bilancio oltre un milione e 600mila euro e che a quel punto non avrebbe più senso". Fattori che dovrà pesare il super consulente incaricato dal Comune. 
(e.b.)
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  28.11.2020 h 18:53

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.