25.06.2014 h 10:41 commenti

Processo per il rogo di via Toscana, Comune di Prato, sindacati e Inail si costituiscono parte civile

È cominciato stamani davanti al giudice monocratico Fanales il processo con giudizio immediato a carico dei fratelli Giacomo e Massimo Pellegrini, soci dell'immobiliare proprietaria del capannone dato in affitto alla confezione Teresa Moda, distrutta dal fuoco lo scorso dicembre. Sette le vittime: i familiari si sono costituiti parte civile
Processo per il rogo di via Toscana, Comune di Prato, sindacati e Inail si costituiscono parte civile
Si è aperto alle 9 in punto e subito è stato rinviato alle 13 il processo per il rogo di via Toscana. Sul banco degli imputati i fratelli Massimo e Giacomo Pellegrini, soci dell'immobiliare proprietaria del capannone occupato dalla confezione Teresa Moda, distrutta da un incendio lo scorso primo dicembre. Sette gli operai cinesi morti. Giudicati con rito immediato i due imprenditori italiani, mentre i tre cinesi finiti nel processo perché gestori di fatto dell'azienda hanno optato per il rito abbreviato. Davanti al giudice monocratico Giulio Fanales e al pubblico ministero Lorenzo Gestri si sono costitute le parti civili: il Comune di Prato, La Cgil provinciale, regionale e nazionale, Cisl, Uil e Inail. Costituiti, naturalmente, anche i parenti delle sette vittime - una ventina di persone in tutto - e l'operaio che riuscì a mettersi in salvo. Il giudice ha sospeso l'udienza su richiesta degli avvocati che difendono i fratelli Pellegrini, oggi assenti. La necessità di vagliare le carte inerenti le costituzioni di parte civile alla base della richiesta. Nel pomeriggio si comincerà con lo stabilire se tutte le parti civili entreranno oppure no nel processo.
 
Edizioni locali collegate:  Prato
Leggi gli Speciali:  Tragedia Macrolotto, i processi

Data della notizia:  25.06.2014 h 10:41

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.

 
 
 
 

Speciale