21.07.2021 h 20:52 commenti

Presidi favorevoli al vaccino obbligatorio, ma a Prato quasi tutti gli insegnanti hanno già completato il ciclo

Circa l'80% del personale scolastico si è già sottoposto alla vaccinazione. Preoccupa l'arrivo a settembre di nuovi insegnanti e personale Ata, ma anche la gestione dei dati sensibili
Presidi favorevoli al vaccino obbligatorio, ma a Prato quasi tutti gli insegnanti hanno già completato il ciclo
L'ottanta per cento degli insegnanti e del personale Ata di Prato, secondo le stime dei presidi pratesi, si è vaccinato.
Cifre non certe, perchè sono dati sensibili, ma plausibili, che potrebbero impattare in modo meno pesante sull'inizio del prossimo anno scolastico, se diventasse un obbligo la vaccinazione per il personale docente e non. I dirigenti scolastici, in particolare quelli degli istituti comprensivi frequentati anche da minori di 12 anni per cui non è prevista la vaccinazione, sono in buona parte favorevoli a rendere il vaccino obbligatorio entro il prossimo 15 settembre, ma sono anche preoccupati per la gestione della nuova norma.
“I bambini delle scuole dell'infanzia e delle primarie – spiega Mario Battiato preside dell'Istituto Comprensivo Gandhi – non hanno l'obbligo della mascherina, inoltre per i più piccini è impossibile anche il distanziamento, per questo è fondamentale che gli insegnanti siano vaccinati. Spesso, quando si fanno i decreti, poi la parte attuativa è carente. Credo che sia necessario anche un pieno coinvolgimento dell'Inps per evitare problemi come durante la prima fase delle quarantene in cui i lavoratori dopo 21 giorni erano tecnicamente guariti, ma non potevano rientrare in comunità”.
L'obbligo vaccinale alleggerisce anche le responsabilità dei singoli dirigenti; gravi conseguenze sulla salute dovute al Covid sono considerate infortunio e quindi i datori di lavoro hanno anche responsabilità penali.
“E' una questione complessa e delicata – spiega Francesca Zannoni dell'Ic Levi – soprattutto per quanto riguarda la parte dei dati sensibili, quando arriva un certificato medico non abbiamo neppure la patologia, quindi è necessario che ci mettano nelle condizioni di poter fare il nostro lavoro senza appesantirci ulteriormente.”
C'è anche chi propone soluzioni: “ Credo – spiega Claudia Del Pace dell'Ic Mascagni – si possa delegare l'Asl a fare i controlli, un po' come avviene per i bambini che non sono vaccinati, ci vengono direttamente segnalati”. Mentre per Maria Grazia Ciambellotti dell'IC Marco Polo: “Se un docente non si vaccina sarà destinato a un incarico diverso dall'insegnamento, ma questo lo deve stabilire il Ministero”.
Un altro problema riguarda tutto il personale che riceverà il primo incarico. “Nel mio istituto – spiega Paola Toccafondi della Malaparte – il prossimo anno avremo molte cattedre scoperte, mi auguro quindi che i nuovi insegnanti siano vaccinati, visto che molti potrebbero affacciarsi al mondo della scuola per la prima volta”.
Più ottimista Marco Fedi dirigente dell'Ic Convenevole: “Credo che a settembre, se passa il green pass, il caso scuola si stempererà da solo, in molti avranno già provveduto, per altri motivi a vaccinarsi”.
Alle scuole superiori la situazione è comunque diversa perchè i ragazzi hanno la possibilità di vaccinarsi. “Sono favorevole alla vaccinazione obbligatoria – spiega Stefano Pollini del Gramsci Keynes – spero che la campagna rivolta ai ragazzi vada avanti a ritmo serrato per permetterci di iniziare in sicurezza e soprattutto per tutto l'anno in presenza”.
Voce fuori dal coro è quella di Paolo Cipriani dirigente scolastico del Marconi: “Non trovo giusto obbligare le persone, piuttosto bisogna lavorare sulla consapevolezza e il senso di responsabilità. Per i ragazzi penso che funzionerà soprattutto la motivazione legata agli spostamenti e al divertimento. L'importante è arrivare a settembre con il numero più alto di vaccinati anche perchè se si sorpassa il 60% della popolazione scolastica che ha coperto l'intero ciclo non è più obbligatorio l'uso delle mascherine.”
alessandra agrati
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  21.07.2021 h 20:52

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.