11.03.2019 h 19:56 commenti

Prelievi, in arrivo sei nuovi punti per garantire oltre 60mila prestazioni in più all'anno

L'Asl Toscana centro ha pubblicato il bando per la manifestazione d'interesse per tre postazioni convenzionate in città e altrettante in Provincia. Soddisfatto Ciolini (Pd): "Svolta nel rapporto tra Asl e servizi ai cittadini pratesi"
Prelievi, in arrivo sei nuovi punti per garantire oltre 60mila prestazioni in più all'anno
Sono sei i nuovi punti prelievo che l'Asl Toscana centro sta per attivare per potenziare i servizi in città e in provincia. Tre si trovano a Prato, in zona centrale, a sud e a ovest; uno ciascuno a Carmignano, Montemurlo e Vaiano. Tale rafforzamento della rete avverrà appoggiandosi a privati convenzionati. Il bando è appena stato pubblicato dall'azienda sanitaria che dettaglia requisiti e modalità. Si prevedono quasi 61 mila prestazioni in più all'anno per una spesa complessiva di oltre 213 mila euro annui fino al 2021 compreso. In particolare il punto prelievi in zona Prato centro dovrà essere in via Galcianese, viale Galilei o in via Ferrucci e coprire oltre 47mila prestazioni annue tra prelievi e campioni biologici; 2.130 quelle che dovranno essere assicurate da chi si candiderà a coprire la zona di Grignano e di Paperino; il terzo punto prelievo è richiesto a Maliseti con una previsione di 1.090 prestazioni annue. A Montemurlo il rafforzamento è più marcato e supera le 4.700 prestazioni annue, mentre a Vaiano la previsione è di 2.640 prelievi e campioni biologici. Per Carmignano il luogo da potenziare è Seano con una stima di 3.170 prestazioni.
Il servizio sarà quindi realizzato da un privato accreditato ma la qualità e le procedure saranno sotto la cura dell'Asl Toscana Centro. Fissati anche i prezzi: 4 euro a prelievo e 1,5 euro per la consegna del solo campione biologico.
Il bando specifica anche dei doveri come la formazione adeguata del personale, garantire le urgenze e rispettare un pacchetto di ore di apertura per dare ai cittadini la sicurezza della continuità dei servizi sanitari. L'idea infatti è di sgonfiare il Centro Giovannini e gli altri distretti presenti sul territorio, fornendo una risposta più vicina a casa chiedendo aiuto ai privati.
"Una buona notizia - commenta Nicola Ciolini, consigliere regionale Pd e componente della commissione sanità -, una decisione che imprime una svolta nel rapporto tra Asl e servizi ai cittadini pratesi e consentirà snellimento, vicinanza, velocità. Da mesi lavoravamo di concerto con amministrazioni comunali ed Asl, raccogliendo anche i suggerimenti dei cittadini, per conseguire questo risultato. L’apertura dei nuovi punti prelievo permetterà anche lo snellimento dell’afflusso al Centro Giovannini con il conseguente recupero di personale da destinare ad altre prestazioni".
 

Data della notizia:  11.03.2019 h 19:56

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 
 

Digitare almeno 3 caratteri.