03.11.2016 h 13:12 commenti

Prato Scomparsa ci regala un nostalgico tuffo nella città degli anni '60. Guarda il video

Daniele Nuti ha utilizzato tutto materiale dell'epoca per restituirci l'atmosfera di quel periodo
Guarda il video
Un nostalgico tuffo nella Prato degli anni '60, quella del boom e della crescita demografica che si accompagnava all'espansione del distretto tessile che esportava in tutto il mondo le pezze made in Prato.
E' questo l'ultimo omaggio alla città, sottoforma di video-collage, realizzato da Daniele Nuti per la sua pagina Facebook Prato Scomparsa.
"Ho voluto dare un tributo alla Prato anni Sessanta - spiega Nuti -, attingendo da fonti varie: cartoline personali, che già pionieristicamente per Prato misi il primo giorno di pubblicazione della pagina, il 16 giugno 2011, poi ci sono immagini oramai storiche e già edite su carta, provenienti dagli archivi Aft (Archivio Fotografico Toscano) e Ranfagni. Infine anche un contributo proveniente da una seguace della pagina. Così facendo si è creato come un discorso comune, che almeno in video è possibile fare".
Le immagini ritraggono fotogrammi di vita quotidiana e angoli di città spesso molto mutati, da una operosa via Valentini ancora luogo di produzione, ai ragazzi beat che ballavano al Cavern Club pratese, sotto al Circolo Matteotti. Poi ci sono i moti del '68, piuttosto che la storica sede della Upim, ma anche una piazza San Marco ancora priva del "buco" di Moore.
"Insomma - conclude Nuti - come sempre saranno contenti sia coloro che non conoscevano questi risvolti, sia chi mezzo secolo fa viveva quella Prato così remota".
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  03.11.2016 h 13:12

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus

Digitare almeno 3 caratteri.

 
 
 
 

Speciale