30.06.2020 h 15:11 commenti

Pratesi popolo di scommettitori, nel 2019 la spesa pro capite giornaliera più alta d'Italia

Agimeg ha diffuso i dati dell'andamento delle scommesse lo scorso anno. Prato conferma il primato del 2018 che si spiega con la massiccia presenza di cinesi
Pratesi popolo di scommettitori, nel 2019 la spesa pro capite giornaliera più alta d'Italia
Con una spesa giornaliera pro capite di 2 euro, Prato è in testa alla classifica italiana del maggiore esborso per il gioco nel 2019. Si tratta di una conferma rispetto all'anno precedente quando la provincia pratese, con 720 euro l'anno, è stata quella che più di tutte le altre ha speso nel gioco tra lotterie, Gratta e vinci e schedine. A dirlo è Agimeg, l'agenzia che si occupa di giochi e scommesse. A proiettare Prato in cima alla graduatoria è – come spiega la stessa agenzia - “la componente di residenti cinesi che ha una massiccia propensione al gioco”. La ripartizione della spesa complessiva è stata fatta tenendo conto della popolazione maggiorenne. Le grandi città si attestano su una media giornaliera pro capite di circa un euro: Napoli, Venezia e Milano sono appena sopra con cifre che oscillano tra 1 euro e 5 centesimi e 1 euro e 18, mentre Roma, Torino, Palermo, Firenze e Bari stanno sotto con cifre che variano tra 75 e 99 centesimi. Le città con la spesa più bassa – 50 centesimi – sono Parma ed Enna. Rispetto al 2018, in tutta Italia ad eccezione della Sicilia, la spesa per il gioco legale è diminuita. Ovunque l'ammontare della spesa ha superato quello delle vincite; unico dato in controtendenza è quello di Lodi che si spiega con la maxivincita di 209 milioni realizzata al Superenalotto nel mese di agosto.
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  30.06.2020 h 15:11

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.