07.04.2016 h 12:15 commenti

Popolare di Vicenza, linea dura degli azionisti: documenti pignorati alla filiale Il Pino

L'ufficiale giudiziario si è presentato all'istituto di credito con tanto di ingiunzione del giudice di pace che ha obbligato alla immediata consegna dei documenti relativi all'acquisto delle azioni. Una decina i casi di pignoramento tra Prato e Pistoia
Popolare di Vicenza, linea dura degli azionisti: documenti pignorati alla filiale Il Pino
Sono una decina i soci della Popolare di Vicenza a cui l'istituto, su ordine del giudice, ha consegnato o consegnerà i documenti relativi all'acquisto delle azioni. Ieri, mercoledì 6 aprile, l'ufficiale giudiziario si è presentato alla filiale de Il Pino e ha mostrato l'ingiunzione con la quale il giudice di pace ha dato ragione a due azionisti che, a tre mesi dalla richiesta della documentazione, non hanno ricevuto risposta. Risultato: la banca ha subito aperto i cassetti. L'avvocato Luca D'Alessandro Pilacci ha attivato la procedura di pignoramento delle carte per una decina di azionisti di Prato e di Pistoia. Negli ultimi due casi, quelli di ieri, il giudice non solo ha concesso l'ingiunzione ma ha anche esonerato gli azionisti dall'ulteriore attesa di 10 giorni entro i quali l'istituto di credito deve rispondere. Consegna immediata, insomma. I rapporti tra la Popolare di Vicenza e la fetta di azionisti ribelli si fanno sempre più tesi. La documentazione è necessaria a promuovere le azioni legali e la banca si è presa molto più dei tre mesi di tempo previsti dall'articolo 119 del testo unico bancario per rispondere. In alcuni casi ne sono passati 5-6, da qui la decisione di avviare un percorso coattivo. Tempi duri, durissimi per i soci che hanno acquistato le azioni della Popolare di Vicenza a 62 euro e 50 e oggi si ritrovano nel portafogli solo briciole.






 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  07.04.2016 h 12:15

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.

 
 
 
 

Dossier