24.12.2021 h 13:13 commenti

Parcheggio nell'ex Toscoblok, l'impresa "sotto sfratto": "Il Comune ci ha messo con le spalle al muro"

A riportare lo sfogo dell'imprenditore è la capogruppo della Lega Diletta Bresci sul piede di guerra contro il progetto: "Per il vezzo dell’amministrazione di costruire un parcheggio inutile si fa sloggiare una realtà lavorativa"
Parcheggio nell'ex Toscoblok, l'impresa "sotto sfratto": "Il Comune ci ha messo con le spalle al muro"
La Lega ribadisce la propria contrarietà alla realizzazione di un parcheggio nell'area ex Toscoblok dove è ancora attiva un'azienda che vende materiale edile. La capogruppo del Carroccio in consiglio comunale  definisce l'intervento, che ha appena ottenuto dalla Regione il contributo di oltre un milione di euro, "l’ennesimo insensato e inutile progetto messo in piedi da quest’amministrazione".
La contrarietà è legata anche alle ripercussioni che l'azienda Isidoro subirà con l'esproprio dell'area che oggi occupa: "Peccato che il sindaco ometta di dirlo, ma a questo giro, a farne le spese è una ditta presente su quel suolo che sarà costretta ad andarsene. Chi ci amministra ha pensato alle conseguenze che ci saranno per questi lavoratori? Fare sloggiare una realtà lavorativa per il vezzo dell’amministrazione di costruire un parcheggio inutile, e che sarà inutile lo dimostra il fatto che proprio di fronte ne sorge un altro praticamente inutilizzato. Il tutto - prosegue Bresci -  per andare a coronare quel folle progetto della “riqualificazione del centro storico” con la nuova assurda. Per giunta, fa strano vedere un sindaco che qualche mese fa sfilava alla Gkn e oggi non si fa scrupoli a mandare a casa dei lavoratori di una ditta sul suolo poggese".
La numero uno della Lega a Poggio ha anche riportato le reazioni del titolare della ditta, Maurizio Costanzo: "Restiamo attoniti e sbigottiti nel vedere una amministrazione che ci ha messo con le spalle al muro - afferma Costanzo - Di fronte al fatto compiuto siamo in estrema difficoltà a trovare una nuova sistemazione per la nostra azienda, che necessita di spazi adeguati per poter lavorare. È per noi inconcepibile che non ci sia mai stata proposta una soluzione alternativa e condivisa, anche e soprattutto nell'interesse dei nostri dipendenti che lavorano nel territorio di Poggio a Caiano da ormai venti anni e che ad oggi non abbiamo certezza di poter mantenere in organico".
 
Edizioni locali collegate:  Comuni Medicei

Data della notizia:  24.12.2021 h 13:13

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.