08.03.2017 h 11:01 commenti

Palla Grossa, lo strappo dei calcianti: "Non giochiamo". Il fondatore: "Affossata dal Comune"

I Rossi si chiamano fuori dopo la proposta di spostamento all'ex Ippodromo mentre i Verdi sono più possibilisti: "Ma devono essere create le condizioni giuste". Intanto Claudio Belgiorno attacca: "Hanno voluto affossare questo evento prima estromettendomi e poi decentrandolo dagli altri eventi del settembre"
Palla Grossa, lo strappo dei calcianti: "Non giochiamo". Il fondatore: "Affossata dal Comune"
L'antico gioco della Palla Grossa è arrivato al capolinea: il quartiere dei Rossi, dopo la proposta dell'amministrazione comunale di spostare il match a luglio all' ex parco delll' Ippodromo (LEGGI), ha deciso di disertare. “Questa giunta – spiega il presidente Luca Di Filippo - ha da sempre dimostrato di non avere a cuore il gioco della Palla Grossa, non ha mai fatto pubblicità tramite il soggetto che ha vinto il bando per l' organizzazione degli eventi dio settembre. Visto che siamo bravi saremo noi a levare dall' empasse l'amministrazione: a luglio non giocheremo , è il nostro regalo di Pasqua. Sarebbe stato più onesto dirlo subito che non erano interessati, tanto lo abbiamo capito chiaramente”. 
Più conciliante verso le posizioni dell'amministrazione il presidente dei Verdi. "Il problema non è la data, - spiega Maurizio Mencancini - che in un certo senso sarebbe migliore di quella di settembre in quanto non prevede l'interruzione degli allenamenti nel mese di agosto, ma il luogo dove verranno organizzate le partite. Non vogliamo essere ghettizzati: se a luglio organizzano un campo dove ci sia una festa medievale e varie attrattive per coinvolgere i pratesi bene, altrimenti è inutile giocare. Noi siamo, o meglio, dovremmo essere la festa nella festa e non un evento a sè questo se lo possono permettere a Firenze dove il calcio storico è parte integrante nella città, situazione che non si verifica a Prato".
Intanto anche il fondatore della Palla Grossa Claudio Belgiorno si toglie qualche sassolino dalla scarpa. “L'antico gioco è finito, spostarlo all'Ippodromo a luglio vuol dire affondarlo definitivamente. Sarebbe la terza edizione in rosso. La colpa è dell'amministrazione Biffoni - prosegue - che non ha mai creduto in questo evento, nato con tanto impegno e tanta fatica, che però nelle edizioni che ho curato ha sempre registrato il tutto esaurito accontentando anche i commercianti”.
Belgiorno punta il dito contro uno spostamento di baricentro del settembre da piazza Mercatale in altri luoghi e sui costi. “Avere tutto in piazza Mercatale significava tantissime persone ogni sera, anche al tempo c'erano lamentele, ma tra costi e benefici la bilancia pendeva per quest'ultimi. Oggi un' intera categoria di commercianti si schiera contro la Palla Grossa, e l'odio verso questa manifestazione cresce in modo esponenziale”.
Secondo Belgiorno l'affossamento è iniziato con la fine del governo Cennii. “Mi hanno fatto fuori- spiega – attaccandomi anche dal punto di vista personale, ma io non ho mai avuto un decreto ingiuntivo e continuo a lavorare. Durante la mia organizzazione gli eventi erano gratuiti e  non sono mai stati spesi soldi pubblici, invece lo scorso anno sono state date cifre a 4 zeri ai quartieri ma  soprattutto per l'organizzazione dei concerti. Io sono disposto a rimettermi in gioco, anche se credo che i margini siano pochi: ormai l'interesse è verso il calcio fiorentino, che guarda caso si svolge poche settimane prime della Palla Grossa”.
Intanto la questione approda in coniglio comunale con una question time di Giorgio Silli (Fi). “La tradizione impone che la Palla Grossa sia giocata in piazza Mercatale,- si legge nel testo - così come avviene per tutte le giostre e i giochi medievali e rinascimentali nei Comuni della Toscana (sarebbe come chiedere di correre il Palio di Siena in campagna, anziché in piazza del Campo perché non si è riusciti a trovare una sintesi e un equilibrio tra i commercianti (o chi chiedeva di spostare la Palla Grossa) e la tradizione.
alessandra agrati
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  08.03.2017 h 11:01

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 
 
 

Digitare almeno 3 caratteri.