13.01.2014 h 18:11 commenti

Ospedale, Mugnai: "La Direzione sanitaria si ponga in una logica di ascolto"

Questo pomeriggio il vicepresidente della commissione regionale Sanità, ha visitato il nuovo ospedale di Prato per "toccare con mano" le criticità emerse recentemente.
Ospedale, Mugnai: "La Direzione sanitaria si ponga in una logica di ascolto"
Questo pomeriggio visita a sorpresa al nuovo ospedale di Prato del vicepresidente della commissione regionale sanità Stefano Mugnai (Forza Italia). Accompagnato da Fabio Baldi, presidente del Centro per i diritti del malato, e da Roberto Baldi, capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale e dalla direzione sanitaria dell’Asl 4, Mugnai ha voluto vedere con i propri occhi le criticità emerse recentemente, a cominciare dalla presenza di malati in barella  lungo i corridoi del pronto soccorso; e ancora bagni senza serratura, e quelli per portatori di handicap aperti a tutti, mancanza di privacy nei reparti, indicazioni non adeguate, dentro e fuori l’ospedale, pensilina dei barellati troppo corta con la conseguente esposizione dei pazienti alle intemperie nel momento in cui salgono o scendono da un’ambulanza. Tutti elementi riscontrati durante la visita come mostrano le immagini. “Lo spirito di questa visita - spiega il consigliere regionale Mugnai - è cercare di far emergere in una logica di dialettica sana e propositiva, le criticità che un’azienda sanitaria deve affrontare e risolvere. Ce ne sono di grandi e di piccole. Non è accettabile vedere alcuni pazienti uscire dal pronto soccorso in barella ed essere esposti alle intemperie in attesa di salire in ambulanza. Si può provvedere velocemente con una tensostruttura. L’azienda sanitaria si deve porre in una logica d’ascolto. Mi ha fatto specie apprendere che l’associazione per i diritti del malato è tre mesi che chiede un incontro alla direzione sanitaria e non è ancora stata ricevuta”.
 
 
 

Data della notizia:  13.01.2014 h 18:11

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.

 
 
 
 

Dossier