13.01.2021 h 13:54 commenti

Osama ha vinto la sua battaglia: conto alla rovescia per la cittadinanza italiana

Un problema burocratico impediva al ragazzo di coronare il suo sogno, ma ora grazie all'impegno di Stremao e del Comune potrà diventare italiano a tutti gli effetti: "Mi sono sempre sentito un cittadino della nazione dove sono cresciuto"
Osama ha vinto la sua battaglia: conto alla rovescia per la cittadinanza italiana
Conto alla rovescia per ottenere la cittadinanza italiana; Osama Konstantinova, del cui caso si era occupata Notizie di Prato (leggi), presto sarà a tutti gli effetti un cittadino italiano. Come si ricorderà il ragazzo, con padre marocchino e madre moldava, ma in Italia fin da bambino, aveva avuto un problema burocratico che gli impediva di portare avanti la pratica. Osama, che frequenta il Marconi e nel suo tempo libero fa il volontario per l'associazione Stremao, ha dovuto affrontare un percorso lungo e faticoso, che però ha trovato una risoluzione grazie alla costanza dell’associazione Stremao che da subito si è interessata al problema e all’Ufficio Immigrazione del Comune di Prato che ha trovato la strada per sbloccare la pratica.
“All’Immigrazione – ha spiegato Mauro De Angelis presidente di Stremao – sono stati bravi, hanno inoltrato la pratica come rifugiato politico, noi abbiamo messo insieme tutti i documenti necessari a testimoniare che Osama ha sempre vissuto qui. Siamo molto contenti”
Ma più felice di tutti è ovviamente il protagonista di questa storia: “Sono felice che l’iter sia quasi arrivato alla fine, non sono felice di essere italiano perché in realtà io mi sono sempre sentito un cittadino della nazione dove da sempre vivo. Spero che ora la strada per i miei fratelli sia più semplice”.
Per festeggiare il lieto fine l’associazione Stremao di cui Osama fa parte come volontario, ha montato un video, sulle note della canzone “Italiano vero” di Toto Cotugno.


 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  13.01.2021 h 13:54

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.