10.08.2018 h 18:44 commenti

No del Collegio di garanzia del Coni al Prato che resta in serie D

Respinto il ricorso presentato dalla società biancazzurra per ribaltare la decisione di bocciare la richiesta di ripescaggio in Lega Pro
No del Collegio di garanzia del Coni al Prato che resta in serie D
Niente da fare per il Prato Calcio che si è visto respingere oggi 10 agosto il ricorso presentato al Collegio di Garanzia del Coni contro la decisione del Commissario Straordinario della Figc di bocciare la domanda di ripescaggio in Lega Pro (QUI LA SENTENZA), presentata per conto della società biancazzurra da Donatella Toccafondi, presidente al posto del fratello Paolo che è stato inibito per 20 mesi da ogni incarico a causa della vicenda dei baby calciatori fatti arrivare dall'Africa.
A questo punto, quindi, sembra ormai certo che il Prato dovrà disputare la prossima stagione in serie D, tra i dilettanti, anche se Toccafondi è intenzionato a fare ricorso al Tar del Lazio contro il pronunciamento del Coni. "All´esito della pronuncia di diniego del Collegio di Garanzia del Coni sulla domanda di ripescaggio e nell´attesa del dispositivo della sentenza - si legge in una nota ufficiale della società biancazzurra - Ac Prato Spa comunica che, per rispetto e tutela dei propri dipendenti, dei veri tifosi e dei ragazzi del settore giovanile insieme alle loro famiglie, esperirà ogni azione possibile in tutte le sedi opportune, siano queste: sportiva, amministrativa, civile e penale; al fine di tutelare i propri diritti".
Nei giorni scorsi, intanto, il Tar di Firenze aveva respinto la richiesta di analizzare con procedura d'urgenza il ricorso contro la decisione del Comune che ha revocato l'utilizzo dello stadio Lungobisenzio, motivo che sta alla base sia della bocciatura della domanda di ripescaggio tra i professionisti sia del no al ricorso deciso oggi dal Collegio di garanzia. La questione sarà trattata il 12 settembre, probabilmente ormai fuori tempo massimo per una riammissione del Prato in Serie C.
Sembra dunque concludersi qui una lunga estate di colpi di scena con le varie trattative per la cessione del Prato da parte della famiglia Toccafondi, tutte naufragate, e con la guerra aperta tra amministrazione comunale e Ac Prato. Una guerra che sicuramente avrà uno strascico giudiziario.
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  10.08.2018 h 18:44

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus

Digitare almeno 3 caratteri.