03.03.2021 h 15:43 commenti

Nel 2020 quasi 300 multe degli ispettori ambientali per 35mila euro di sanzioni

Una su cinque è stata elevata al Macrolotto Zero per il quale è previsto un progetto specifico di comunicazione capillare sia condominio per condominio sia sui social come Wechat
Nel 2020 quasi 300 multe degli ispettori ambientali per 35mila euro di sanzioni
Sono 294 le sanzioni elevate nel 2020 per abbandono o non corretto conferimento dei rifiuti dagli ispettori ambientali di Alia impegnati in 1.968 controlli del territorio grazie a uno specifico progetto del Comune di Prato. L'importo complessivo è di 34.765 euro.
Delle 294 sanzioni 100 sono per abbandono e 197 provengono da utenze domestiche. 31 riguardano il centro storico a cui vanno aggiunte le 44 delle isole interrate di piazza Mercatale e Santa Caterina per un totale di 75 sanzioni su 511 controlli. Ben 59, pari al 21% del totale, sono state elevate nel solo Macrolotto Zero, quartiere ad alta presenza cinese che richiede attenzioni particolari per non trasformarsi in una gigantesca discarica a cielo aperto. Di queste 20 sono per abbandono. I controlli invece sono stati 394.
Il punto sul servizio è stato fatto stamani, 3 marzo, dall'assessore Cristina Sanzò e dal direttore dell'area pratese di Alia, Luca Silvestri nel corso della commissione consiliare 4. Partiti in quattro nell'autunno del 2019 e raddoppiati nello stesso periodo del 2020, gli ispettori ambientali dovrebbero a breve diventare dieci in modo che il territorio sia coperto da quattro squadre in movimento e da una fissa al Macrolotto Zero a cui è legato un progetto specifico di comunicazione capillare condominio per condominio. Tra l'altro alcuni ispettori parlano il cinese.
"Stiamo lavorando con Alia e l'assessorato alla polizia municipale  - ha affermato l'assessore Sanzò - per intercettare le criticità di quell'aria specifica andando a comunicare in maniera puntuale nei condomini e negli esercizi commerciali ma anche attraverso canali social specifici quali Wechat e locandine, oltre che con gli ispettori. Si tratta di microabbandoni contro cui l'uso delle telecamere non è efficace. In più è un quartiere ad alto ricambio per cui è necessario informare costantemente ed essere presenti. Quando l'abbiamo fatto i risultati si sono visti. Appena ci siamo spostati, i problemi si sono ripresentati. In ogni caso l'abbandono non è tollerabile".
Il potenziamento delle squadre permetterà di migliorare i numeri 2020, condizionati anche dal lockdown Covid. I primi due mesi del 2021 sono già una certezza in questo senso perchè sono state elevate 160 sanzioni pari al 54% di tutto il 2020. In più a breve entreranno in funzione le cinque videocamere killer per sorprendere chi abbandona i rifiuti sul territorio.
Questo sistema di pressing a cui va aggiunta l'attività con altri gruppi di controllo quali quello Sismico e quelli interforze e che si avvarrà anche di una stretta collaborazione con i comitati cittadini, sta portando i primi risultati concreti. In sei anni gli scarichi abusivi sono più che dimezzati passando dai 1.100 del 2015 ai 472 del 2020.
(e.b.)
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  03.03.2021 h 15:43

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.