22.06.2021 h 12:50 commenti

Morte Luana, la scatola nera dell'orditoio è tornata decodificata dalla Germania

Il perito incaricato dalla Procura ha ora tutti gli elementi per terminare la perizia sul tragico infortunio sul lavoro e la relazione verrà consegnata nei prossimi giorni ai magistrati che indagano
Morte Luana, la scatola nera dell'orditoio è tornata decodificata dalla Germania
E' davvero questione di giorni il deposito della relazione del consulente tecnico che la Procura di Prato ha incaricato per capire le condizioni in cui si trovava l'orditoio nel momento in cui lo scorso 3 maggio l'operaia 22enne Luana D'Orazio è stata trascinata e stritolata da quello stesso macchinario all'interno di una ditta tessile di Montemurlo.
Nelle ultime ore è arrivato dalla casa costruttrice, la tedesca Karl Mayer, anche il contenuto decodificato della scatola nera con tutti i dati disponibili all'interno della memoria informatica dell'orditoio. Dati che il  perito, l'ingegnere Carlo Gini, specializzato in automazione industriale, sta esaminando per completare il puzzle tecnico e fornire elementi utili all'esatta ricostruzione dell'incidente che ha portato alla morte della giovane mamma. Morte per cui sono indagati con l'accusa di omicidio colposo e rimozione o omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro, la titolare, Luana Coppini, il marito, Daniele Faggi, gestore di fatto dell'orditura, e il manutentore del macchinario, Mario Cusimano.
Dalla scatola nera ci si aspetta informazioni utili sulla velocità registrata dall'orditoio al momento dell'incidente, sulla fase esatta della lavorazione quando la giovane è stata risucchiata e su eventuali anomalie nel funzionamento.
E' già confermata, come anticipato la scorsa settimana, la manomissione al quadro elettrico che avrebbe permesso alla macchina di lavorare in automatico anche a saracinesca di protezione sollevata. In particolare con quella modifica il pulsante di avvio, che a saracinesca alzata dovrebbe essere inattivo, avrebbe funzionato lo stesso. Una manomissione, è l'ipotesi, compiuta per velocizzare il lavoro. Aspetti questi che il perito sta valutando anche alla luce del contenuto della scatola nera. L'ingegnere, che ieri ha incontrato il procuratore, ha tempo fino alla fine della seconda settimana di luglio per depositare la propria relazione ma la sensazione è che sia già a buon punto.
 
Edizioni locali collegate:  Prato Montemurlo

Data della notizia:  22.06.2021 h 12:50

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.

 
 
 
 

Speciale