22.01.2022 h 12:02 commenti

Marco Biagioni sceglie la sua segreteria: tanti giovani, cinque uomini e tre donne

A questi nomi si aggiungeranno quattro membri di diritto. Ecco tutti i nomi e i progetti per il prossimo triennio
Marco Biagioni sceglie la sua segreteria: tanti giovani, cinque uomini e tre donne
Tanti giovani, poche donne e molte prime esperienze ai vertici di un partito. È la segreteria provinciale nominata da Marco Biagioni a un mese dalla proclamazione alla guida del Partito democratico di Prato. Vediamo gli otto nomi da lui indicati. Stefano Nenciarini, 28 anni, biotecnologo ed ex vicesegretario dei Gd come responsabile organizzazione; Alessandra Petrelli, 36 anni, giornalista e digital strategist come responsabile comunicazione; Francesco Bellandi, 30 anni, architetto come responsabile urbanistica e frazioni; Giosuè Prestanti, 28 anni, segretario del Pd di Carmignano come responsabile enti locali e coordinamento della provincia; Edoardo Carli, 26 anni, presidente del circolo Arci Orsetti come responsabile rapporto coi circoli ricreativi e Agorà Democratiche; Simone Barni, 44 anni, vicepresidente Publiacqua come responsabile formazione; Sandra Bolognesi, 64 anni, ex dirigente scolastica come coordinatrice dei dipartimenti tematici; Laura Tattini, 54 anni, direttrice del coordinamento sanitario dei servizi territoriali Asl per la zona di Prato come responsabile sanità (invitata permanente). Come si vede la componente Biffoniani è rappresentata da Simone Barni, quella interna agli zingarettiani di Prossima da Carli. Ampio lo spazio dedicato agli ex Gd con cui Biagioni, da segretario di quel mondo, è cresciuto politicamente. Potremmo parlare di fedelissimi. A questi otto nomi se ne affiancheranno altri quattro, membri di diritto: Marco Sapia, capogruppo Pd a Prato, Marco Martini, tesoriere, Luana Bracone, portavoce Donne Democratiche e Maria Logli, segretaria dei Gd. Si tratta di due uomini e di due donne che quindi non correggono la sproporzione a favore della componente maschile. “Metteremo in campo tutte le energie per proiettare il Partito Democratico verso il costante confronto con la cittadinanza e con le associazioni. Saremo attive e attivi in ogni frazione e in ogni Comune della provincia, con l’obiettivo di far partecipare chiunque si riconosca nei nostri valori alle politiche che porteremo avanti - dichiara Biagioni - È il tempo di aggregare e unire il nostro territorio intorno a una nuova e chiara visione di futuro, che ponga al centro la lotta alle diseguaglianze e proietti Prato verso una dimensione sempre più europea, tenendo l’orecchio teso verso i problemi quotidiani delle persone”. La segreteria sarà affiancata da un coordinamento dei dipartimenti tematici che avranno l’obiettivo di far elaborazione in vari ambiti, aprendo il confronto con le associazioni e le persone interessate. Qui le donne sono la maggioranza. Il coordinamento sarà formato da Augusto Borsi come responsabile Politiche Sociali e Terzo Settore; Fatiha Sallami, giovane di seconda generazione, come responsabile Integrazione; Sandra Bolognesi come responsabile Scuola e Formazione; Beatrice Becheri, ex direttrice CGFS, come responsabile Sport; Laura Tattini come responsabile Sanità; Luca Bravi, professore universitario, come responsabile politiche della Memoria; Martina Cacciato come responsabile Diritti Civili e Adriano Poggiali come responsabile Ambiente e Mobilità. Nei prossimi giorni saranno aperti anche i dipartimenti Cultura, Agenda Digitale e Servizi Pubblici. “Teniamo molto al ruolo del delegati che si occuperanno delle attività dei circoli. Anche i comuni della provincia, con tutte le loro peculiarità, saranno al centro dell’agenda insieme al comune capoluogo - sottolinea il segretario - Lavoreremo anche ad una strategia sui circoli ricreativi: per noi sono la casa del centrosinistra oltre che dei fondamentali presidi sociali sui territori. Continueremo a puntare sul tema del lavoro e dello sviluppo economico - aggiunge - come segretario mi impegno fin da subito a condurre una campagna di ascolto coinvolgendo le associazioni di categoria e sindacali per la costruzione di percorsi condivisi”. Infine un passaggio sulla sanità: “una voce fondamentale nell’assetto della segreteria poiché riteniamo che questa tematica debba essere sempre più inserita in modo trasversale in tutti i progetti che riguardano la nostra provincia”.
 

Data della notizia:  22.01.2022 h 12:02

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.