10.07.2015 h 19:14 commenti

Maltrattamenti in Rsa, l'Asl chiede aiuto alla Misericordia per garantire l'assistenza

A partire da domani due volontarie si recheranno nella struttura di via del Guado
Maltrattamenti in Rsa, l'Asl chiede aiuto alla Misericordia per garantire l'assistenza
Le volontarie della sezione femminile della Misericordia di Prato presteranno servizio agli ospiti della Rsa di Narnali. A partire da domani, sabato 11 luglio, due consorelle si recheranno nella struttura di via del Guado che da questa mattina si trova al centro delle cronache dopo la sospensione di alcuni membri del personale sanitario coinvolto nell’inchiesta della Procura di Prato per maltrattamenti ai danni dei pazienti (LEGGI).
Trovatasi improvvisamente senza organico, l’Asl ha chiesto alla Misericordia di Prato la possibilità utilizzare temporaneamente alcuni volontari per far fronte all’emergenza.  ’Arciconfraternita pratese ha accolto subito la richiesta coinvolgendo nel ruolo di coordinamento la Federazione regionale delle Misericordie, che immediatamente si è attivata con il presidente Alberto Corsinovi.
Domani dunque le consorelle della Misericordia pratese faranno compagnia agli anziani per restituire un sorriso ai pazienti che, secondo quanto è stato appurato dalle indagini della magistratura, sono stati costretti a subire umiliazioni fisiche e verbali. Inoltre la Asl, bisognosa di reperire nuovo personale per la gestione della struttura di Narnali, ha chiesto alla Misericordia del personale qualificato per l’assistenza di base alla persona. In queste ore l’Asl sta mettendo a punto una convenzione secondo la quale a partire da lunedì 13 luglio si potrà avvalere di operatori sanitari forniti dalla Federazione regionale con il supporto dell’Arciconfraternita pratese.
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  10.07.2015 h 19:14

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 
 
 

Digitare almeno 3 caratteri.

 
 
 
 

Speciale