29.07.2021 h 10:32 commenti

Ladri di luci votive al cimitero della Misericordia, la rabbia della figlia di un defunto

In tre mesi la tomba del padre è già stata depredata due volte: "Mi sarei aspettata più controlli". Ma dalla Confraternita rispondono: "Episodi spregevoli ma non è ipotizzabile mettere telecamere per coprire tutto il camposanto"
Ladri di luci votive al cimitero della Misericordia, la rabbia della figlia di un defunto
"E' un fenomeno odioso, messo in atto da persone spregevoli, ma purtroppo nonostante i nostri sforzi ci resta difficile fare di più di quello che già stiamo facendo". Risponde così la Misericordia alla denuncia di una signora che, negli ultimi tre mesi, ha già subito per due volte il furto della lampadina votiva alla tomba del padre, tumulato dal 30 aprile proprio all'interno del cimitero della Misericordia.
"Oltre al dolore per la perdita - dice la donna -, dobbiamo subire il turbamento per un gesto così ignobile e meschino. Quello che fa più rabbia, però, è vedere che chi dovrebbe controllare perché queste cose non succedano, fa poco o niente". Accuse, come abbiamo visto, respinte dalla Misericordia. "Purtroppo questi fenomeni succedono in tutti i cimiteri - spiegano dalla Confraternita -: dai più grandi a quelli piccoli di campagna. Per questo invitiamo a non lasciare oggetti preziosi come collanine o braccialetti sulle tombe dei propri cari. Controllare spazi grandi come quelli del cimitero non è semplice, soprattutto perché si tratta di furti di oggetti di piccole dimensioni, che possono essere nascosti facilmente tra i vestiti. E, per evidenti ragioni di privacy e riservatezza, non è nemmeno possibile ipotizzare di mettere telecamere in ogni punto del cimitero".
Resta, comprensibile, la rabbia per chi è vititma di furti di questo tipo dove il danno non è tanto nel valore materiale della refurtiva, quanto in quello affettivo e morale. "Una situazione del genere non è sostenibile - aggiunge la donna -. Purtroppo sembra che a nessuno interessi: i carabinieri non hanno certo tempo di mettersi a cercare i ladri di luci al cimitero. Ma da un'associazione come la Misericordia, mi sarei aspettata un po' più di attenzione e, visto quello che paghiamo, controlli più serrati".
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  29.07.2021 h 10:32

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.