10.09.2019 h 16:06 commenti

La Pubblica Assistenza si regala per i suoi 120 anni una struttura diagnostica per i propri utenti

L'inaugurazione entro l'anno con il contributo di Anpas Toscana. Intanto per tutto il mese di settembre continuano i festeggiamenti che prevedono anche una cena di gala nel Castello dell'Imperatore
La Pubblica Assistenza si regala per i suoi 120 anni una struttura diagnostica per i propri utenti
La Pubblica Assistenza L’Avvenire Prato festeggia i 120 anni dalla fondazione con quattro nuovi progetti che uniscono il sociale con il sanitario.
“Entro l’anno – ha annunciato il presidente Livio Benelli – concluderemo un accordo con una struttura privata, già presente sul territorio, per dare ai nostri soci un canale preferenziale nel terzo settore. Stiamo creando una rete di collegamento con tutte le nostre sezioni sparse sul territorio in modo da garantire costi più bassi delle prestazioni, ma anche tempi più veloci”.
Realizzato con il contributo di Anpas regionale  il sodalizio prevede che, chi usufruirà degli ambulatori presenti nelle 15 sedi potrà accedere direttamente al servizio diagnostico. Gli altri progetti riguardano la collaborazione con i circoli Arci di San Giusto e di Figline per potenziare il servizio sanitario e incrementare l’offerta culturale. “Per quanto riguarda la nuova sede di Santa Lucia – continua Benelli – siamo in attesa di un confronto con l’amministrazione comunale, visto che la struttura dove andremo è l’ex asilo”.
Non solo futuro, ma anche passato e presente nelle celebrazioni della Pubblica Assistenza che il 1 settembre ha ufficialmente aperto i festeggiamenti con un aperitivo nei locali della sede centrale. Prossimo appuntamento,  sabato 14 settembre alle ore 10 per l’inaugurazione della nuova ambulanza P120, attrezzata per il soccorso sanitario con medico a bordo, che entrerà a far parte del parco macchine del sodalizio.
Sempre nel prossimo fine settimana  i volontari de L’Avvenire saranno presenti a Poggio a Caiano per il consueto appuntamento con l’Assedio alla Villa, con uno spazio enogastronomico.
Domenica 15 settembre il gruppo di Protezione civile e volontari gruppo del sanitario saranno impegnati nell'Eco maratona pratese che si svolgerà alle Cascine di Tavola e nelle zone limitrofe, toccando anche il Comune di Quarrata, dove L’Avvenire, con l’aiuto di altre pubbliche assistenze toscane, coordinerà è gestirà il servizio sanitario della gara con 2 medici, 2 posti di primo soccorso, 6 ambulanze e circa 50 volontari.
Mercoledì 18 settembre, al Castello dell’Imperatore, si terrà la cena di gala per i 120 anni della Pubblica Assistenza, dove dalle ore 20 in poi si ritroveranno i rappresentanti delle istituzioni cittadine, provinciali e regionali, dei comandi provinciali delle Forze dell’Ordine, insieme ai dirigenti dell’associazione, soci e volontari, per una cena sotto le stelle, per festeggiare un traguardo così importante per il sodalizio.
Domenica 22 settembre in piazza delle carceri, dove saranno disposti tutti i mezzi con i volontari, per scattare una foto ricordo di questi 20 anni successivi al centenario, momento in cui nel 1999 era già stata realizzata una foto analoga, presente nelle sedi istituzionali dell’associazione.
Mercoledì 25 settembre, nella sede di via Santhià della Pubblica Assistenza, si svolgerà il torneo di burraco il cui incasso sarà devoluto all’associazione per l’acquisto di materiale elettromedicali.
Il mese di settembre si conclude con un appuntamento importante sotto il profilo istituzionale per la pubblica assistenza, ovvero la presentazione di un libro storico fotografico che ripercorre questi anni di vita de L’Avvenire, inteso come un viaggio tra i luoghi e le persone che hanno fatto grande il sodalizio. Il libro, firmato da Alessandro Formichella e Annalisa Marchi, sarà presentato sabato 28 settembre, alle ore 17,30 alla Biblioteca Comunale Lazzerini.
“Settembre – ha spiegato il vicepresidente Andrea Meoni – è un mese importante ricco di eventi che spaziano dal ludico allo storico, rigorosamente condivisi con la popolazione a ricordo della prima assemblea pubblica del primo settembre 1899 in cui i padri fondatori condivisero il progetto con i pratesi.”
Ad oggi  l’associazione di via San Jacopo conta oggi 15 sezioni oltre la sede centrale, 12mila soci, 1000 volontari e un bilancio di 5 milioni di euro l’anno .
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  10.09.2019 h 16:06

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.