07.06.2016 h 12:05 commenti

La "bufala" degli zingari che rapiscono i bambini imperversa: tre falsi allarme in dieci giorni

Dopo i due casi di Montemurlo ecco la falsa notizia di un fantomatico tentativo di rapimento al Parco Prato: e il post raccoglie migliaia di condivisioni. Un fenomeno preoccupante
La "bufala" degli zingari che rapiscono i bambini imperversa: tre falsi allarme in dieci giorni
Tre allarmi infondati nel giro di dieci giorni: un paio frutto del fraintendimento, l'ultimo sicuramente falso e probabilmente messo in giro con la chiara intenzione di creare il panico.
La bufala degli "zingari che rubano i bambini" è tornata prepotentemente di moda a Prato e dintorni, scatenando il panico tra le famiglie. Tre episodi in dieci giorni sono sicuramente troppi e forse sarebbe il caso che le autorità intervenissero per mettere in qualche modo fine all'andazzo.

Basti pensare che l'ultimo falso allarme - il presunto tentato rapimento di due bambini alla Coop del Parco Prato, peraltro con tanto di rasatura dei capelli dei piccoli innocenti - non appena postato su Facebook dal padre di un bambino (che dice di averlo saputo dalla maestra dell'asilo) è stato condiviso su migliaia di bacheche, con un effetto dirompente. Al punto che le redazioni dei giornali già ieri sera sono state tempestate da lettori impauriti e preoccupati.


Naturalmente tutte le verifiche fatte con le forze dell'ordine hanno dato esito negativo. Nessun tentato rapimento, nessuna rasatura forzata di capelli. Era una "bufala" bella e buona, peraltro nemmeno nuova, visto che qualche tempo fa era circolata negli stessi termini ma con una location diversa: i Gigli invece del Parco Prato.
In tempi di analfabetismo funzionale dilagante basta poco perché una notizia falsa postata sui social faccia velocemente il giro della città, con le conseguenze che è facile immaginare. A volte, come nel caso di Montemurlo, è il passaparola a trasformare un semplice apprezzamento fatto da una donna ad un bambino per il tentativo di rapirlo da parte di due nomadi. A volte, è accaduto sempre a Montemurlo, anche un dirigente scolastico cade nella trappola, emettendo una circolare dai toni allarmistici. Resta il fatto che al momento non risultano aperte indagini sulla diffusione di notizie palesemente false. Con il rischio che, se non si interviene per tempo, la moda possa dilagare ancora.
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  07.06.2016 h 12:05

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.