19.10.2016 h 18:05 commenti

Investì e uccise rapinatore, guardia giurata condannata a tre anni

Condannato con rito abbreviato l'uomo che alla guida dell'auto di servizio investì e uccise l'uomo che dopo aver aggredito e rapinato il gestore di una paninoteca fuggì insieme a due complici. Il giudice ha accolto la richiesta del pubblico ministero
Investì e uccise rapinatore, guardia giurata condannata a tre anni
Tre anni alla guardia giurata che alla guida dell'auto di servizio investì e uccise un uomo che stava fuggendo dopo aver rapinato un chiosco gestito da un cinese in via Toscana, nel Macrolotto 1 (LEGGI). Simone Nieri, difeso dagli avvocati Federico Febbo e Costanza Malerba, è stato condannato oggi, mercoledì 19 ottobre. Per lui processo con rito abbreviato. Il giudice Francesco Pallini ha accolto la richiesta del pubblico ministero Antonio Sangermano e lo ha riconosciuto colpevole di omicidio preterintenzionale. La notte del 24 aprile 2015 Nieri era in servizio nelle strade del Macrolotto quando incrociò Vito Sacco, pregiudicato, che stava scappando dopo aver aggredito e rapinato, insieme a due complici, un italiano e un marocchino, il titolare di un chiosco di panini. Ma mentre i complici riuscirono ad allontanarsi in macchina, Sacco rimase a piedi e fu investito dall'auto della guardia giurata che però non si fermò a prestare soccorso. Solo il giorno dopo, la polizia ricostruì, anche con l'aiuto delle telecamere installate nella zona, quanto accaduto e arrivò a Simone Nieri, accusato in un primo momento di omicidio colposo, reato rubricato in omicidio preterintenzionale nel corso dell'indagine preliminare. I sei fratelli di Vito Sacco, costituiti parte civile e assistiti dagli avvocati Samuel Stampigli e Silvia Risaliti, sono stati risarciti lo scorso settembre dall'assicurazione. I due complici sono stati condannati quattro mesi fa: a due anni e sei mesi, con rito abbreviato il marocchino, a due anni e quattro mesi con patteggiamento l'italiano.


 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  19.10.2016 h 18:05

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.