28.09.2015 h 16:50 commenti

Intemperanze davanti alla scuola della figlia: gli altri genitori si rivolgono a preside e carabinieri

Si tratta del marocchino che a gennaio creò il panico davanti alle elementari di Vaiano e, più di recente, su un autobus dicendo di essere un terrorista dell'Isis. Preoccupazione tra le famiglie che hanno bambini alle Ammannati di Tobbiana. Da domani presidio della Municipale all'entrata e all'uscita da scuola
Intemperanze davanti alla scuola della figlia: gli altri genitori si rivolgono a preside e carabinieri
Cambia la scuola dei figli ma non cambiano le vecchie abitudini. Dopo Vaiano, sono ora i genitori della scuola elementare Ammannati di Tobbiana ad essere preoccupati per i non richiesti show dell'uomo, originario del Marocco, che a gennaio creò il caos davanti alla scuola di Vaiano, dicendo di essere un terrorista e di voler fare come a Parigi (in riferimento alla strage di Charlie Hebdo, avvenuta pochi giorni prima). Lo stesso uomo che a inizio settembre cominciò, invece, ad inneggiare all'Isis su un autobus della Cap creando il panico tra i viaggiatori.
Dall'inizio della scuola, lo straniero, che abita a Vaiano, dove non mancano i problemi con i vicini di casa, si è presentato più volte di fronte alla scuola elementare di Tobbiana. Avrebbe anche tentato di entrare per vedere una delle figlie durante l'orario scolastico. In particolare venerdì scorso, dopo essere stato bloccato dalle bidelle, avrebbe iniziato a dare in escandescenza. Non sarebbero mancati neppure i momenti di attrito con gli altri genitori che ora sono preoccupati, al punto da aver chiesto l'intervento ai carabinieri della stazione di Iolo. Al momento, comunque, non sarebbero state presentate denunce per specifici episodi di minacce. 
La preoccupazione tra le famiglie è comunque evidente, come si percepisce da un fitto scambio di post su Facebook tra chi ha i figli che frequentano la struttura. Proprio oggi le rappresentanti di classe della scuola sono state a colloquio con la dirigente e le insegnanti per far presente il disagio e la preoccupazione delle famiglie. Intanto oggi pomeriggio, lunedì 28 settembre, un'auto dei carabinieri ha sostato davanti alla scuola. "Speriamo solo - si lascia sfuggire una delle mamme - che non aspettino che succeda qualcosa di grave per poi intervenire. In questa scuola vanno i nostri figli e noi siamo preoccupate dalla presenza di questa persona che, sicuramente, non è equilibrata".
Il Comune è stato informato della situazione e l'assessore all'Istruzione Maria Grazia Ciambellotti ha chiesto alla polizia municipale di predisporre, da domani e per almeno un paio di settimane, un presidio sia all'entrata sia all'uscita dei bambini da scuola.
 
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  28.09.2015 h 16:50

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus

Digitare almeno 3 caratteri.