30.03.2021 h 13:02 commenti

Il Progetto Insieme distribuisce 167mila euro per aiutare la famiglie in difficoltà

Con un bando sono state selezionate le associazioni di volontariato che gestiranno direttamente gli aiuti in cinque ambiti, dal sostegno agli affitti, alla consegna dei farmaci fino a progetti per la socializzazione a distanza
Il Progetto Insieme distribuisce 167mila euro per aiutare la famiglie in difficoltà
Ventisette associazioni del territorio e oltre 167mila euro per dare gambe alla seconda tranche di aiuti previsti dal Progetto Insieme, realizzato in collaborazione fra il Comune di Prato, la Fondazione Cassa di Risparmio di Prato, l’associazione Spes Docet e la Banca Intesa Sanpaolo.
Cinque le tipologie di aiuto a cui i cittadini potranno accedere, liberamente senza passare dall’ assessorato al sociale: supporto economico alle famiglie per pagamento di utenze e generi di prima necessità (tipologia A per un importo di 77.424mila euro), sostegno al pagamento di affitto e alla morosità incolpevole (Tipologia B per 24mila euro), supporto scolastico e sociale agli studenti (tipologia C,20mila euro), trasporto sociale e consegna di spesa e farmaci( Tipologia D 26mila euro), e infine sostegno per progetti di socializzazione a distanza (Tipologia E 20mila euro).
“Abbiamo lavorato nella massima trasparenza- spiega l’assessore al sociale Luigi Biancalani – attraverso un bando per selezionare le associazioni, poi procederemo anche con i controlli per accertarsi che nessuna faccia il furbetto. Parallelamente va avanti anche tutta l’attività tradizionale, sono 300 le famiglie prese in carico dall’ inizio dell’anno, un numero in linea con quello dello scorso anno”.
A indicare gli ambiti di intervento è stata la cabina di regia, formata da rappresentanti dei quattro soggetti che sostengono il progetto. “Si parla tanto di aggregazioni – ha spiegato Franco Bini presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Prato – e questo è sicuramente un esempio, anche se in campo sociale. Ora, proseguendo nel paragone e permettendomi una battuta auguriamoci che quanto prima ci sia una ripresa per tornare a fare gli straordinari e magare mandare i servizi sociali in cassa integrazione”.
Il progetto insieme vale oltre 1 milione di euro: 400mila messi a disposizione dall’amministrazione comunale, 500mila dalla Fondazione Cassa di Risparmio e 100 mila rispettivamente dall’ associazione Spes Docet e dalla Banca Intesa Sanpaolo, nuovo partner del progetto, attualmente il tesoretto ancora a disposizione è di 700mila euro. Durante la prima fase della pandemia le risorse erano state utilizzate per pagare gli affitti, per i buoni spesa e per l’acquisto di libri scolastici. Per ricevere gli aiuti basta rivolgersi alla singola associazione che gestisce il progetto, per agevolare gli utenti l’amministrazione ha stampato un opuscolo in distribuzione all’ assessorato di via Roma 101.
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  30.03.2021 h 13:02

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.