27.10.2021 h 18:18 commenti

Il Politeama chiede più soldi al Comune, con i contributi non copre neppure i compensi degli artisti

In commissione cultura confronto fra la presidente Magnolfi e l'assessore Mangani. Intanto il 22 dicembre Biffoni duetta con Tony Reale
Il Politeama chiede più soldi al Comune, con i contributi non copre neppure i compensi degli artisti
Botta e risposta fra Beatrice Magnolfi e Simone Mangani in commissione cultura dove la presidente del Politeama è stata invitata per relazionare sull'attività del teatro post pandemia.
Al centro della questione i contributi che l'amministrazione comunale concede al teatro: 125mila quelli stanziati con la possibilità di arrivare a 150mila. Troppo pochi secondo la presidente che rincara la dose: “A fatica si coprono le spese per i compensi degli artisti a cui si devono anche aggiungere quelle di gestione. Ad esempio non solo il rifacimento della facciata sul retro, lato Tintori, per il 25%, pari a 50mila euro è a nostro carico, visto che usufruiamo del bonus statale, ma dobbiamo anche pagare al Comune l'occupazione del suolo pubblico per la posa delle impalcature, inoltre ci è stato chiesto di trasformare la Spa in Fondazione e tutte le spese sono a nostro carico”. La trasformazione in fondazione effettivamente è stata deliberata dal Consiglio comunale. “Vogliamo restare dentro il teatro e quindi è necessaria una forma giuridica compatibile con la legge Madia. Per dare contributi – ha spiegato l'assessore Mangani – è necessario quindi che avvenga la trasformazione. Altrimenti siamo costretti a vendere la nostra quota, circa il 33% che potrebbe andare in mano a un investitore propenso solo a massimizzare il profitto. Inoltre non avremmo più modo di interloquire con le altri parti. Abbiamo scelto di restare dentro il Politeama perchè riconosciamo la sua missione e la strada è la Fondazione”. Il passaggio alla nuova forma legale, però non comporta automaticamente un aumento dei contributi destinati all'ex cinema. Richiesta che invece è venuta dalla presidente della commissione Rosanna Sciumbata: “E' necessario che il Comune si impegni maggiormente anche per una questione di giustizia rispetto a quanto erogato al Metastasio. Il Politeama ha un cartellone apprezzato dai pratesi e per questo va sostenuto”.
Un cartellone in attivo, con la novità che il 22 dicembre il sindaco Matteo Biffoni duetterà con Tony Reale,  che però non ha corrispondenza nel bilancio: “Ci troviamo in una sorta di paradosso – ha spiegato Magnolfi – da una parte abbiamo bisogno di più pubblico, e i primi appuntamenti hanno confermato questa tendenza, per farlo dobbiamo investire maggiormente in comunicazione, ma dobbiamo fare i conti con un budget limitato per cui stampiamo meno locandine, facciamo meno investimenti pubblicitari e quindi difficilmente raggiungiamo spettatori da fuori città. Il teatro avrebbe bisogno di rifare l'acustica, pessima in alcune zone, ma non possiamo permettercelo. Mi sarebbe piaciuto che l'amministrazione per aiutarci avesse proposto lo stabile tra quelli che possono rientrare nei finanziamenti del Pnrr visto che ci ha lavorato anche il Nervi e quindi abbiamo un patrimonio artistico da difendere.”
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  27.10.2021 h 18:18

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.