16.05.2019 h 11:44 commenti

Il Museo di San Domenico può riaprire: in soli sette giorni raccolti i fondi necessari

Il crowdfunding puntava a 6mila euro e si è chiuso con più di un mese di anticipo rispetto alla scadenza. Il progetto di un museo di arte sacra richiederà ancora tempo ma intanto si potranno aprire gli ambienti per esposizioni temporanee
Il Museo di San Domenico può riaprire: in soli sette giorni raccolti i fondi necessari
Sono bastati solo sette giorni per raggiungere l’obiettivo dei 6 mila euro necessari per la riapertura del Museo di San Domenico. La campagna di crowdfunding “Riapriamo il Museo di San Domenico” era stata lanciata sulla piattaforma Eppela per l’acquisto di teche ed espositori che permetteranno la creazione di uno spazio espositivo negli ambienti del convento. 
“È un risultato eccezionale, che dimostra l’attaccamento dei pratesi a San Domenico” dice Gabriele Bresci, presidente di Pratocultura, la cooperativa promotrice del progetto per conto della Diocesi insieme alla associazione culturale Artemia. 
Mancano ancora 33 giorni alla scadenza della campagna di crowdfunding, per cui è ancora possibile fare donazioni. “Tutti i contributi sono utili – continua Bresci – perché c’è ancora tanto da fare per San Domenico, un complesso monumentale antico, ampio e prezioso”.
Il museo è chiuso dal 2013, principalmente per motivi economici. Il suo patrimonio artistico però è in continua crescita ed è composto di arredi e opere che faranno parte di un futuro museo diocesano di arte sacra. Un progetto a cui tendono la Diocesi e l’ufficio dei beni culturali, ma che ha ancora bisogno di tempo per realizzarsi. Intanto però i soldi raccolti permetteranno di riaprire gli ambienti, per ospitare mostre temporanee e iniziative culturali. 
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  16.05.2019 h 11:44

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.