01.03.2021 h 11:54 commenti

Il mondo del tessile e della ristorazione pratese piangono Renzo Mammoli

Aveva 70 anni e da una decina di giorni era ricoverato in ospedale per le complicanze dovute al Covid. Dopo una vita passata come progettista di macchinari e dispositivi tessili aveva aperto il ristorante ‘Mi garba la ciccia’
Il mondo del tessile e della ristorazione pratese piangono Renzo Mammoli
In lutto il mondo del tessile e della ristorazione. Si è spento nella prima mattina di oggi, lunedì primo marzo, Renzo Mammoli, 70 anni, un lunghissimo trascorso come progettista di macchinari e dispositivi tessili e da qualche anno socio del ristorante ‘Mi garba la ciccia’ aperto assieme al figlio e ad un altro imprenditore a San Giusto, frazione nella quale ha sempre abitato.
Mammoli è deceduto all’ospedale Santo Stefano dove era stato ricoverato una decina di giorni fa per le complicazioni del Covid. Nonostante le cure prestate in terapia intensiva, il settantenne non è riuscito a superare la fase più critica. Lascia la moglie e due figli. Da tempo Mammoli era in pensione ma aveva continuato a dedicarsi alla sua grande passione dei macchinari tessili che per tutti la sua vita professionale lo avevano portato in giro per il mondo per promuovere la progettazione tecnica pratese.
L'addio nella chiesa di San Giusto, in viale della Rimembranza, venerdì 5 marzo alle 15.  
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  01.03.2021 h 11:54

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.