14.03.2019 h 13:46 commenti

Il medico dei falsi esami continua a lavorare. L'Asl: "Da domani avrà accanto i nostri ispettori". Nuovo blitz delle Iene a Prato

La commissione paritetica prevista per i provvedimenti disciplinari dei rapporti in convenzione, non si riunirà prima mercoledì prossimo.
Il medico dei falsi esami continua a lavorare. L'Asl: "Da domani avrà accanto i nostri ispettori". Nuovo blitz delle Iene a Prato
Continua a lavorare come se niente fosse il medico di medicina generale sorpreso da Le iene a intascare soldi da pazienti cinesi per esami inesistenti (LEGGI). La commissione paritetica prevista per le questioni disciplinari dalla convenzione con la medicina generale e composta da Asl Toscana Centro e da rappresentanti della categoria, non si riunirà prima di mercoledì prossimo, 20 marzo, e di conseguenza nel frattempo la persona in questione può continuare a esercitare. 
Ieri, 13 marzo, la troupe della trasmissione di Italia Uno è tornata negli studi di via Pistoiese per intervistare l'uomo provocando un parapiglia che ha portato anche all'intervento della polizia. 
Di fronte alle lungaggini burocratiche legate al rapporto in convenzione, per assurdo ancora più complesse rispetto a quelle previste per un dipendente, il direttore dell'Asl Toscana Centro Paolo Morello Marchese è corso ai ripari attivando un nucleo ispettivo che da domani sarà presente fisicamente  nell'ambulatorio di via Pistoiese in questione, per controllare nel dettaglio l'alto numero di pazienti stranieri (soprattutto cinesi) assegnati temporaneamente al medico e in generale allo studio. "La legge in questi casi non mette tetti - spiega Paolo Morello Marchese - ma è una questione di trasparenza. Il numero è significativo e vista la situazione è bene capire se tutte le procedure di assegnazione siano state rispettate. L'approfondimento è d'obbligo". Ad ogni medico di medicina generale infatti, è consentito avere un numero massimo di pazienti aumentabile solo del 5% (soprattutto per questioni familiari). Nel caso di stranieri l'assegnazione è provvisoria ma non ha limiti. Certo, che tutto il Macrolotto Zero faccia capo agli studi medici accanto alla farmacia Etrusca, è quanto meno singolare. Da domani gli ispettori Asl valuteranno se tale concentrazione è corretta e di fatto il medico si ritroverà il loro fiato sul collo. Un modo per tenerlo sotto controllo in attesa di provvedimenti concreti.
"Ho chiesto che venga convocata d'urgenza la commissione paritetica per l'adozione di provvedimenti disciplinari. - prosegue Morello Marchese - Oltre a quanto documentato da quel servizio televisivo contesteremo anche i due giorni di assenza ingiustificata che il medico ha effettuato all'inizio della scorsa settimana senza attivare la sostituzione e provocando di conseguenza un disservizio ai pazienti". 
Potrebbero accorciare i tempi lumaca della commissione paritetica due eventualità: un provvedimento di sospensione dell'ordine dei medici di Pistoia a cui appartiene il medico o una misura cautelare richiesta al giudice dalla Procura che ha aperto una fascicolo sulla vicenda per truffa aggravata in base all'informativa della finanza a cui ora si aggiunge la denuncia dell'Asl (LEGGI).
In entrambi i casi, i provvedimenti darebbero carta bianca all'azienda sanitaria per revocare la convenzione al medico senza passare dalla commissione paritetica. 
E.B.
 

Data della notizia:  14.03.2019 h 13:46

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 
 

Digitare almeno 3 caratteri.