20.03.2021 h 18:08 commenti

Il circolo di Viaccia si rifà il look con un intervento autofinanziato, ecco come sarà

Nonostante le difficoltà del momento, questa vivace realtà associativa ha la forza per investire mezzo milione di euro per riqualificare la struttura, punto di riferimento della comunità
Il circolo di Viaccia si rifà il look con un intervento autofinanziato, ecco come sarà
Non solo ha aiutato gli altri circoli Arci a superare il 2020 mettendo a disposizione di tutti 50mila euro, ma in piena pandemia ha deciso di investire ben mezzo milione di euro per riqualificare il la propria sede al civico 659 di via Pistoiese con l'obiettivo di migliorare i servizi alla comunità e consolidarsi come realtà di riferimento di Viaccia. E' il circolo arci La libertà 1945, oltre 300 soci e una vivacità difficile da eguagliare in zona.
Di questi tempi, decidere di indebitarsi  aprendo un cantiere può essere vista come pura follia e incoscienza. Forse, giusto un pizzico. In realtà si tratta di una mossa che affonda le sue radici nella solidità economica e finanziaria che il circolo è riuscito a crearsi in tanti anni di scelte oculate e lungimiranti. Come quella, ad esempio, di avere una licenza pubblica sia per la pizzeria che per il bar. Cosa, questa, che in generale, permette a tutti di poter essere clienti del circolo a prescindere dalla tessera Arci, e in questa pandemia di poter fare esattamente le stesse cose che possono fare i bar e le pizzerie. Un vantaggio non da poco che ha permesso a questa realtà di essere sempre un passa avanti ai colleghi, anche in un contesto difficile come questo. "Teniamo ben distinta l'attività ricreativa da quella commerciale che risponde alla cooperativa Viaccia Oggi, proprietaria dell'immobile che ci viene concesso in comodato d'uso gratuito. - spiega il presidente Enrico Fiaschi - Immobile che insieme ai conti in salute, ci permette di avere accesso al credito bancario senza problemi. Va sottolineato anche lo sforzo fatto dai soci che contribuiranno anche attraverso il prestito di risorse proprie".
L'intervento, che si aggiunge alla ristrutturazione del primo piano del 2015, è iniziato i primi di marzo e dovrebbe terminare a metà giugno con la speranza che la bella stagione allenti le citicità legate alle misure antiCovid.
E' previsto il rinnovo della sala bar a cui sarà associata una cucina per pranzi e aperitivi.

La sala polivalente si rifarà il look e si affaccerà su via Pistoiese attraverso una terrazza rialzata rispetto alla strada in cui saranno posizionati i tavolini. Uno spazio adatto anche per eventi privati. Tavolini e ombrelloni anche nell'attuale piazzale antistante il circolo, anch'esso rialzato ma dotato di un'area per parcheggiare bici e motorini.

Altra novità riguarda la sala carte che accoglierà la biblioteca. Naturalmente, saranno rinnovati gli impianti e gli infissi per ridurre i consumi energetici. "Stare fermi è sbagliato. - afferma Massimo Chiarugi, presidente della cooperativa Viaccia oggi, mente dell'operazione - Per garantire un futuro alla nostra realtà dobbiamo investire e migliorare l'offerta. Abbiamo la forza per farlo. Ovviamente il nostro piano d'investimento prevede che nel giro di un paio di anni si possa tornare alla normalità altrimenti sarà un problema anche per noi. Ma siamo fiduciosi e crediamo di aver scelto il momento migliore per mettere mano alla struttura". 
(e.b.)
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  20.03.2021 h 18:08

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.