15.02.2018 h 10:45 commenti

I tesori di Prato aprono le porte ai cittadini. Ecco il programma delle visite

L'iniziativa organizzata dall'associazione Amici dei Musei per l'ultimo fine settimana di febbraio e il primo di marzo. Fabio Gori e Carlo Palli mostrano le loro collezioni, aperte le porte anche di villa Rucellai e il lanificio Peyron
I tesori di Prato aprono le porte ai cittadini. Ecco il programma delle visite
Fabio Gori e Carlo Palli aprono le porte di casa per mostrare le loro collezioni d’arte, un patrimonio inestimabile e soprattutto difficilmente visibile. Un’occasione offerta dall’iniziativa Aperte per voi. Le porte dei tesori di Prato, organizzata dagli amici dei Musei in collaborazione con l’associazione AParte e il Cral dipendenti Asl Prato. Le visite guidate si terranno nei fine settimana del 24-25 febbraio e 3-4 marzo anche allo studio dell’artista Myrian Cappelletti, al chiostro di San Francesco, allo Spedale della Misericordia e Dolce, alla biblioteca Roncioniana, alla fabbrica Peyron, alla villa Ruccellai a quella di San Gaudenzio a Vaiano e alla casa di Leonetto Tintori.
“Un programma comunque interessante – ha spiegato Giorgio Arter presidente degli Amici dei Musei - che però offre nel caso delle collezioni private la possibilità di vedere opere che fanno parte della quotidianità, Gori e Palli ci apriranno le porte di casa loro”. L’iniziativa è stata realizzato con un cofinanziamento di 7500 euro del bando per il volontariato del Cesvot. “Tra le novità – ha sottolineato Attilio Maltinti presidente di AParte– anche il coinvolgimento di dieci studenti del liceo artistico Petrocchi di Pistoia che utilizzeranno questo tempo come alternanza scuola lavoro, ma soprattutto per avvicinarsi all’arte contemporanea”. L’iniziativa è stata realizzata anche con il patrocinio del Comune di Prato. “Mi auguro – ha precisato l’assessore alla cultura Simone Mangani – che questa sia la prima di una lunga serie di appuntamenti”.
Le visite sono gratuite, ma è necessario prenotarsi a partire da giovedì 8 febbraio presso la segreteria degli amici dei musei 057431465 o tramite la mail amicimuseiprato@libero.it
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  15.02.2018 h 10:45

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 
 

Digitare almeno 3 caratteri.