08.06.2019 h 11:54 commenti

I pratesi scelgono il loro sindaco: ballottaggio tra Biffoni e Spada. Ecco cosa bisogna sapere

Seggi aperti dalle 7 alle 23 di domani, subito dopo inizierà lo scrutinio dei voti. Gli schieramenti in campo e le due ipotesi di Consiglio comunale che potrà scaturire una volta finito lo spoglio
I pratesi scelgono il loro sindaco: ballottaggio tra Biffoni e Spada. Ecco cosa bisogna sapere
Domani, domenica 9 giugno, urne ancora aperte a Prato per il turno di ballottaggio delle Elezioni comunali tra i due schieramenti guidati dal sindaco uscente Matteo Biffoni e da Daniele Spada. I pratesi sono chiamati quindi a scegliere il sindaco e l'amministrazione che guiderà la città nei prossimi cinque anni. Al primo turno nessuno dei candidati ha superato la quota del 50% e quindi adesso sarà sfida a due tra i candidati più votati: Matteo Biffoni, centrosinistra, che il 26 maggio scorso ha ottenuto il 47,16% e Daniele Spada, centrodestra, che si è fermato al 35,12%.

GUARDA IL CONFRONTO DEI CANDIDATI SU TOSCANA TV
 
CENTROSINISTRA - Matteo Biffoni, sindaco uscente, guida una coalizione composta da Pd, Più Europa, Demos, lista civica Biffoni sindaco e lista civica Lo Sport per Prato. Non sono stati fatti apparentamenti, anche se i Comunisti pratesi (0,97% al primo turno con Roberto Daghini) hanno dato indicazione di votare per Biffoni ai propri elettori. Anche l'Arci e l'Anpi hanno dato il loro sostegno al candidato di centrosinistra, al pari dei Verdi di Prato, non presenti alla tornata del 26 maggio.
CENTRODESTRA - Daniele Spada, indicato dalla Lega anche se non tesserato per il Carroccio, guida una coalizione dove sono presenti la Lega stessa, Forza Italia, la civica Daniele Spada sindaco e Fratelli d'Italia. Ha ricevuto anche l'appoggio esterno, dopo aver annunciato inizialmente un accordo di apparentamento, dei candidati sindaci sconfitti al primo turno Marilena Garnier (4,26%), Aldo Milone (3,13%) ed Emilio Paradiso (1,31%). Tra i sostegni arrivati in vista del ballottaggio, quello dell'ex sindaco Roberto Cenni, il primo a guidare un'amministrazione non di sinistra a Prato.
 
 
 
QUANDO E COME SI VOTA - I seggi saranno aperti dalle 7 alle 23 e gli scrutini inizieranno subito dopo la chiusura dei seggi. Per votare è necessario presentare la  tessera elettorale e un  documento di identità in corso di validità e provvisto di foto riconoscibile.
Gli elettori residenti nel Comune di Prato possono richiedere il duplicato della  tessera elettorale all'ufficio elettorale ed il rinnovo della  carta di identità all'ufficio anagrafe. Entrambi i servizi sono garantiti anche presso gli uffici decentrati.
I cittadini non presenti presso la propria abitazione al momento della consegna delle tessere elettorali da parte del messo comunale,  possono ritirare la propria tessera  esclusivamente presso l'Ufficio elettorale presentando l'avviso rilasciato dal messo. E' stato attivato un servizio straordinario di apertura per il rilascio delle tessere elettorali esaurite o smarrite.
Il voto si esprime tracciando un segno sul rettangolo entro il quale è scritto il nome del candidato prescelto.   È considerato valido anche il caso il cui l'elettore pone la croce fuori dallo spazio contenente il nominativo del candidato, vale a dire sul simbolo di una o più liste collegate. Analogamente, è da ritenersi valida l'espressione di voto per un candidato sindaco anche in presenza di più segni di voto apposti sul nominativo del candidato alla predetta carica e/o su uno o più simboli di liste collegate.   Per il ballottaggio  non è previsto il voto disgiunto: la scelta da effettuare è tra i due primi candidati sindaco e non anche sulle liste . La scheda che presenta un segno sul nome di un candidato sindaco e anche sul simbolo della lista che appoggia l'altro candidato è nulla.
GLI SCENARI PER IL CONSIGLIO COMUNALE - Intanto è già possibile fare la panoramica del nuovo Consiglio comunale attraverso le proiezioni fatte dai partiti. Due, naturalmente, gli scenari possibili. Vediamoli, partendo da quella che è già ora una certezza: 20 i seggi che vengono assegnati alla maggioranza, 12 quelli riservati all'opposizione.
In caso di vittoria di Matteo Biffoni, a sedere sui banchi del Consiglio sarebbero 14 della lista Pd, 4 della civica Biffoni sindaco, 1 di Demos e 1 dell'altra civica in coalizione, Lo sport per Prato. A comporre la minoranza ci sarebbero i candidati a sindaco Spada, Garnier e Maioriello del Movimento 5 Stelle che conquisterebbe anche un altro seggio, 6 consiglieri della Lega, 1 di Fratelli d'Italia, 1 della lista civica Daniele Spada sindaco.
In caso di vittoria di Daniele Spada siederebbero in Consiglio 13 della Lega, 3 di Fratelli d'Italia, 2 di Forza Italia, 2 della civica Spada sindaco. La minoranza sarebbe rappresentata dai candidati a sindaco Biffoni e Maioriello, 8 consiglieri del Pd e 2 della civica Biffoni sindaco.
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  08.06.2019 h 11:54

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.