15.05.2018 h 14:07 commenti

Giovane allieva palpeggiata e molestata, insegnante di scuola guida condannato per violenza sessuale

Due anni di reclusione e tre mesi di sospensione dall'attività professionale per un uomo di 62 anni denunciato da una giovane che frequentava le sue lezioni di teoria per conseguire la patente in una scuola guida di Prato. L'allieva, all'epoca dei fatti diciottenne, ha raccontato di palpeggiamenti, toccamenti, tentativi di baci sulla bocca e ripetute allusioni al sesso
Giovane allieva palpeggiata e molestata, insegnante di scuola guida condannato per violenza sessuale
Palpeggiamenti e toccamenti, tentativi di baci sulla bocca e continue allusioni sessuali. Per una ragazza di 18 anni la scuola guida era diventata un incubo. Troppo morbosa l'attenzione dell'insegnante nei suoi confronti, morbosa così tanto da essergli costata un processo per violenza sessuale. Oggi, martedì 15 maggio, a distanza di tre anni dai fatti, l'uomo, sessantaduenne, dipendente di una scuola guida di Prato, è stato condannato a due anni di reclusione dal collegio giudicante del tribunale presieduto dal presidente Gratteri che ha anche stabilito l'interdizione dai pubblici uffici per lo stesso periodo di tempo e la sospensione dall'attività professionale per tre mesi. Non solo: il giudice ha sentenziato che l'esecuzione della pena sarà sospesa se entro sessanta giorni da quando passerà in giudicato, l'imputato pagherà cinquemila euro. Il pubblico ministero Egidio Celano aveva chiesto la condanna a tre anni mentre il difensore, Paolo Cappelli, l'assoluzione.
I primi pesanti approcci risalgono a ottobre 2014, l'ultimo episodio al 15 maggio del 2015. La giovane, oggi ventunenne, presente in aula insieme alla famiglia, si confidò prima con la sorella e successivamente con due amiche e con la madre. Pacche sul sedere, mani sul seno, il tentativo di baci e poi i continui riferimenti al sesso da parte dell'insegnante che stava ben attento a non farsi vedere e sentire dagli altri giovani che frequentavano le lezioni di teoria. I genitori della giovane si presentarono alla scuola guida, saldarono il conto e fecero l'iscrizione da un'altra parte. Per l'uomo scattò la denuncia che lo ha poi portato davanti ai giudici per rispondere di violenza sessuale. Durante il dibattimento sarebbe emerso lo stesso comportamento dell'insegnante nei confronti di un'altra ragazza che però non ha mai presentato denuncia.
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  15.05.2018 h 14:07

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.