13.03.2018 h 16:49 commenti

Elezioni, in Toscana Silli il candidato con il più alto valore aggiunto rispetto alla coalizione

Premiata la scelta del neodeputato di Forza Italia di impostare la campagna elettorale sulla sua persona: "Ora al lavoro per Prato e per i suoi cittadini. Anche per chi non mi ha votato"
Elezioni, in Toscana Silli il candidato con il più alto valore aggiunto rispetto alla coalizione
La scelta di Giorgio Silli, neoparlamentare di Forza Italia, di incentrare buona parte della campagna elettorale sulla sua persona ha provocato qualche frecciatina e punzecchiatura da parte degli avversari ma, alla fine, si è rivelata vincente. Non solo perché Silli è stato eletto, vincendo per il centrodestra un collegio come quello di Prato che alla vigilia veniva considerato blindato per il centrosinistra. Ma soprattutto perché con il 5% il nome di Silli è risultato essere quello con il maggior valore aggiunto tra gli eletti di tutta la Toscana rispetto al risultato dei partiti. Vale a dire quello che ha ricevuto in percentuale il più alto numero di voti solo per il candidato senza indicazioni dei partiti della coalizione.
"Dopo la mia elezione a deputato, da buon pratese - dice Silli - mi sono messo subito a fare quel che più mi aggrada: lavorare per la mia gente, che mi ha accordato una fiducia straordinaria. Contribuire in prima persona allo storico primato che ha visto strappare il seggio del collegio pratese al centrosinistra mi riempie ovviamente d’orgoglio.  Cercherò di rendere onore a tutti i pratesi, anche a quelli che non mi hanno scelto. E con abnegazione cercherò di ripagare i cittadini che prima votavano Pd e che il 4 marzo hanno deciso di  puntare su di me".
Lo stesso Silli a dicembre aveva fatto fare una ricerca da Demetra sullo studio dei flussi elettorali, dal quale emergeva che il suo nome pescava consensi sia tra gli elettori che nel 2013 avevano votato Pd sia tra la categoria degli operai. "A loro - dice ora Silli -  cercherò di restituire speranza e strumenti per affrontare dignitosamente il futuro. Appena avremmo contezza del nuovo governo ci metteremo al lavoro per il bene del Paese, cominciando da una regolamentazione e da una migliore organizzazione del fenomeno migratorio, tema del quale mi occupo personalmente da anni. Siamo stati chiamati dai cittadini, nel mio caso dalla maggior parte dei pratesi, a compiere azioni di responsabilità. Una vocazione che il mio leader Silvio Berlusconi saprà indirizzare come sempre nel migliore dei modi possibili".
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  13.03.2018 h 16:49

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.