09.08.2017 h 14:11 commenti

Donna perseguita il suo ex con messaggi, telefonate e appostamenti, per lei scatta il divieto di avvicinamento e di contatto

La stalker e la sua vittima hanno una figlia piccola e la donna non ha accettato la fine del rapporto. E' arrivata a mandare anche 200 messaggi in un giorno e a presentarsi nel luogo di lavoro dell'ex per denigrarlo e minacciarlo
Donna perseguita il suo ex con messaggi, telefonate e appostamenti, per lei scatta il divieto di avvicinamento e di contatto
L'ossessione per il suo ex era tale che era arrivata a tormentarlo ovunque, anche sul luogo di lavoro, e a inviargli anche 200 messaggi minatori e denigratori al giorno. Le cronache ci hanno abituato a stalker maschi ma stavolta gli atti persecutori portano la firma di una donna. Ha poco più 40 anni ed è residente nella provincia di Pistoia. L'ufficio di polizia giudiziaria della Procura di Prato, oggi, 9 agosto, le ha notificato il divieto di avvicinamento e di contatto telefonico con l'ex compagno. Tale misura cautelare è stata emessa dal gip del Tribunale di Prato su richiesta del sostituto procuratore Laura Canovai che ha coordinato le indagini. 
L'ex della donna è un pratese e ha 20 anni meno di lei. E' il padre della sua bambina, nata poco prima che la relazione tra i due finisse nel maggio del 2016. Il rapporto tra i due ha iniziato a peggiorare il settembre successivo e la situazione è deflagrata a dicembre quando il giovane si è rivolto ai carabinieri. Da allora la donna ha messo in atto comportamenti persecutori sempre più stringenti e feroci tra telefonate e sms deliranti, improvvisate sotto casa e sul luogo di lavoro e continui tentativi di fargli terra bruciata intorno denigrandolo agli occhi di amici, colleghi e conoscenti. Il giovane veniva accusato di non occuparsi della figlia e di averle abbandonate, di essere un superficiale e persino un violento. La donna contattava su Facebook i conoscenti del suo ex per parlarne male, probabilmente con l'obiettivo di isolarlo. Una furia cieca e malata che non ha risparmiato la bambina della coppia davanti a cui, spesso, avvenivano le scenate. Tra l'altro il giovane ha un contratto di lavoro precario e i comportamenti psicotici della ex hanno messo al rischio il rinnovo. Da qui la decisione di denunciare tutto, a tutela di se stesso e della figlia. 
E.B.
 
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  09.08.2017 h 14:11

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.