17.05.2019 h 20:15 commenti

Crollano multe da autovelox ma crescono incidenti e sanzioni per i divieti di sosta

Sono i dati relativi all'attività 2018 della polizia municipale di Prato diffusi oggi in occasione del 188° anniversario di Fondazione del Corpo. Ecco i nomi degli agenti premiati
Crollano multe da autovelox ma crescono incidenti e sanzioni per i divieti di sosta
Trentamila multe in meno rispetto al 2017 a causa dello spegnimento degli autovelox lungo la Declassata e la Tangenziale per la nota sentenza della Corte di Cassazione, incremento dei verbali per divieto di sosta, 61 incidenti in più di cui ben 9 mortali, ben oltre 18mila richieste d'intervento alla Centrale operativa, 1000 in più del 2017 e 29.700 veicoli controllati con il sistema di lettura delle targhe (Assivelox), con un incremento di quasi 11mila unità rispetto all'anno precedente.
Sono i numeri dell'attività 2018 della polizia municipale presentata durante la tradizionale festa della fondazione del Corpo giunta al 188° anniversario e ospitata nel laboratorio di analisi internazionale dell’azienda Mérieux NutriSciences Italia, in via Marradi, realtà imprenditoriale d’eccellenza e tra le più avanzate nel campo dell’analisi alimentare, sensoriale e cosmetica presente in 22 Paesi del mondo con 700 laboratori. Il motto scelto è “A guardia della città" per riassumere il complesso delle attività svolte a tutela della comunità locale.
Oltre al rispetto del codice della strada, la polizia Municipale si è fortemente impegnata anche sul controllo del territorio per il contrasto dell’abusivismo commerciale su area pubblica, delle occupazioni abusive di suolo pubblico, le etichettature irregolari o mancanti di alimenti e capi di vestiario, le attività abusive di estetica, cosmesi e prestazioni sanitarie, gli affittacamere, le variazioni non autorizzate di destinazione d’uso degli immobili, l’utilizzo improprio dei locali con promiscuità tra alloggio e attività produttive, abusi edilizi, abbandono illecito e attività abusive di trasporto e gestione di rifiuti, le immissioni irregolari in atmosfera, i falsi documentali e lo spaccio di sostanze stupefacenti.
Attualmente il Corpo è formato dal comandante, 17 ispettori, 176 agenti, 10 ausiliari e 11 amministrativi. Il parco veicoli al 31 dicembre 2018 era costituito da 66 mezzi (di cui: 44 con fregi, 8 dei quali con cella di sicurezza interna; 22 in borghese) e 18 motocicli, assegnati alle varie unità operative in base alle specifiche necessità dei singoli servizi; tra questi, 12 motocicli sono molto performanti con strumentazione di pronto intervento.
SANZIONI CODICE STRADA. Le multe elevate sono state in tutto 120mila, circa 30mila in meno rispetto al 2017 come già detto per il problema "autovelox". Aumentano invece i verbali per le violazioni relative alla sosta in aree dove è prevista la pulizia del fondo stradale (44.216, oltre 2.000 più dell’anno scorso e oltre 12mila in più rispetto al 2016), alla guida senza cinture o sistema di ritenuta per bambini (193), alla guida con cellulare (352) e alla circolazione con veicoli non assicurati (651). Praticamente costante la guida in stato d’ebbrezza, 74 verbali contro i 79 dello scorso anno.
Quasi raddoppiata l’iscrizione a ruolo per la riscossione coattiva delle sanzioni, arrivata a 35.570 verbali contro 18.200 del 2017.
INCIDENTI. Rispetto al 2017 nel 2018 il totale di incidenti rilevati aumenta da 1371 a 1.431, il 4,45% in più. Di questi 963 sono con feriti, 459 con soli danni e 9 mortali (l’anno scorso 5), avvenuti in piazza della Stazione, via Sabadell (malore), 2 incidenti in via Monnet in via Baciacavallo, via Schio, via Ferrucci (malore), via Pistoiese e via Manzoni.
In 41 ipotesi di reato è stata accertata la correlazione tra l’abuso di alcool e l’avere provocato l’incidente stradale ed in 32 casi la violazione si è verificata in orario notturno (dalle 22 alle 7). 
Sono stati accertati 4 casi di guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti e/o psicotrope.
Sono 46 i casi di reati di fuga e/o omissione di soccorso (che costituiscono il 3,21 % rispetto agli incidenti rilevati). Le violazioni registrate più di frequente sono quelle relative all’art. 141 (velocità, 395 casi), all’art. 145 (precedenza, 229 casi) e all’art. 154 (cambiamento di direzione o di corsia o altre manovre, 178 casi). Viale Leonardo da Vinci rimane la strada a più alto tasso di incidenti (81 ), seguito da via Pistoiese – dove si è verificato un mortale -  e via Firenze (37) , via Roma e viale della Repubblica (35).   I mesi con maggiore incidentalità sono stati  stato dicembre e settembre (138 e e 135) casi, i giorni sono spesso il venerdì e il lunedì e la fascia oraria dalle 17 alle 18. 
COMMERCIO E CONTRAFFAZIONE. I controlli commerciali aumentano rispetto all’anno scorso (1.492 contro 1.352) con 89 sequestri e 315 verbali. Sono stati 96 i negozi controllati, 37 gli esercizi di somministrazione, 7 gli affittacamere.
POLIZIA EDILIZIA E CONTRASTO AL DEGRADO URBANO. Le ditte controllate sono state 248, un numero stabile rispetto all’anno scorso, 43 gli appartamenti.  Più o meno gli stessi anche gli immobili sequestrati penalmente (38), mentre diminuiscono i macchinari (1.567 contro 2.644).  Nel 2018 i numeri si mantengono molto alti ma in decremento sia per l’ormai attestata tendenza alla sostanziale regolarizzazione dal punto di vista urbanistico edilizio delle sedi di attività gestite da cittadini extracomunitari - in particolar modo di nazionalità cinese - sia per il conseguente e costante assottigliamento delle risorse dedicate a questi specifici controlli che dal 2010, anno in cui la problematica relativa alla pericolosa interferenza abitativa/produttiva era emergenziale, si sono dimezzate a causa del cronico mancato ricambio del personale; in questa ottica si comprende lo sforzo profuso per mantenere tali livelli di produttività.
Il 2018 si è caratterizzato da attività svolta sotto l’alta egida della Prefettura e condotta nell’ambito Interforze sulle case-fabbrica che ha portato nell’estate 2018 al disvelamento di tre immobili utilizzati in maniera promiscua ed al loro sequestro.
 Durante la cerimonia sono stati consegnati gli encomi e le lodi agli agenti che si sono distinti per le azioni portate a termine.
I PREMIATI. 
- All'assistente Leonardo Corsini e all'agente scelto Paolo Scandagli, per l'arresto di un conducente di veicolo conosciuto come dedito a reati predatori che scippava ai danni della cittadina cinese, in via Erbosa il 24 maggio 2018.
- all’agente scelto Federico Gualtieri che si è fermato per prestare il proprio aiuto al conducente in un autovettura ferma privo di sensi, scopertosi poi sotto stupefacenti. L’encomio è conferito per la prontezza e generosità del tempestivo intervento, in assenza del quale l’uomo non sarebbe sopravvissuto. In via De Sanctis – via delle Badie l'8 novembre 2018.
- All’agente Scelto Andrea Mantero e Massimiliano Passi per l'arresto di una delle due persone che stavano trafugando oggetti da un'auto in sosta nei pressi del teatro Metastasio. L’uomo, successivamente risultato irregolarmente presente sul territorio nazionale, veniva tratto in arresto per furto aggravato, danneggiamento e detenzione di sostanze stupefacenti in quantità superiore a quella consentita per uso personale. Il 16 ottobre 2018 in via Verdi.
- All’assistente Scelto Maria Pia Santi, Federica Di Meo, Francesco Saurino e all’Assistente Ombretta Allegretti che in collaborazione con l'unità di Polizia Edilizia per due circostanze separate e distinte. La prima per aver condotto articolate indagini in materia di false attestazioni e sostituzione di persona commesse da un geometra in più di 200 pratiche presentate a diverse Pubbliche Amministrazioni della provincia e la seconda per la scoperta di un’organizzazione per lo sfruttamento della prostituzione con giovanissime escort finalizzando tali attività investigative all'esercizio dell'azione penale da parte della Autorità Giudiziaria. L'encomio viene conferito per la professionalità e la dedizione che travalicano la qualificata competenza e la scrupolosa capacità di approfondire l’attività specialistica nella materia urbanistica-edilizia.
Le parole di lode sono andate invece all'assistente scelto Leonardo Fabbri per aver arrestato un cittadino extracomunitario in possesso di documenti di identificazione falsi; all'assistente scelto Patrizia Baroncelli per aver notato un bambino cinese di 7 anni che vagava in viale Leonardo Da Vinci e per essere riuscita a riaccompagnarlo alla propria casa, distante; all'assistente scelto Simona Bardazzi, all'agente scelto Gabriele Begliomini e Antonella Tempestini per aver ritrovato il conducente che intenzionalmente aveva più volte speronato l’altro veicolo coinvolto a seguito di un diverbio stradale avvenuto fra i conducenti; all'assistente scelto Chiara Biagioli e Patrizia Baroncelli e all'assistente Paola Casini per essere riusciti ad individuare ed a sanzionare i conducenti responsabili di un sinistro stradale; all'assistente scelto Daniele Michelini e all'agente scelto Massimiliano Bernardini per aver rintracciato e preso il conducente che dopo un sinistro stradale con un velocipede si era dato alla fuga.
 
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  17.05.2019 h 20:15

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.