17.02.2018 h 07:38 commenti

Crac BpVi, gli avvocati degli azionisti pratesi all'attacco con il sequestro della Crocifissione di Bellini

Depositati gli atti per il sequestro conservativo del dipinto che è tra i pezzi più pregiati della collezione degli Alberti. L'opera è attualmente custodita a Palazzo Thiene a Vicenza. Gli avvocati: "Il quadro, trattato come un trofeo dalla BpVi, deve tornare in città". Complessa la battaglia legale degli azionisti rimasti a mani vuote dopo il crac dell'istituto di credito
Crac BpVi, gli avvocati degli azionisti pratesi all'attacco con il sequestro della Crocifissione di Bellini
Il dipinto “Cristo crocifisso in un cimitero ebraico” di Giovanni Bellini, pezzo da novanta della collezione degli Alberti, potrebbe tornare a Prato per effetto della complessa battaglia legale che gli avvocati Francesco Querci e Francesca Meucci stanno portando avanti per conto degli azionisti della Popolare di Vicenza rimasti a mani vuote dopo il crac dell'istituto di credito. I due legali, unici toscani in Toscana a difendere gli interessi degli ex soci BpVi, hanno depositato gli atti finalizzati al sequestro conservativo e lo hanno fatto oggi, sabato 17 febbraio, nel corso dell'udienza preliminare che si sta celebrando davanti al gup di Vicenza. La collezione degli Alberti è proprietà della Banca Popolare di Vicenza in liquidazione coatta amministrativa citata dal tribunale responsabile civile e dunque su quel patrimonio le parti civili – gli azionisti – possono promuovere azioni. Gli avvocati ne fanno una questione di principio: “E' vero che il quadro è vincolato – spiega Francesca Meucci – ma nulla vieta che possa essere riportato a Prato, restituito ai pratesi. Abbiamo cercato questa opera importantissima e l'abbiamo trovata: è custodita a Palazzo Thiene a Vicenza, noi intendiamo riportarla nella nostra città”. O il quadro o i soldi, una parte dei 106 milioni depositati su un conto intestato alla BpVi in liquidazione coatta amministrativa e sequestrati dalla guardia di finanza: i legali degli azionisti pratesi non rinunceranno al tentativo di risarcimento.
Nell'udienza di oggi Banca popolare di Vicenza in liquidazione coatta amministrativa si è palesata sostenendo che risponderò, in qualità di responsabile civile, solo alle parti civili che l'hanno citata. Ecco che l'elenco ha subito una bella sforbiciata ma restano compresi gli azionisti pratesi perché gli avvocati Querci e Meucci avevano inserito anche BpVi lca tra i responsabili civili da citare.
Tra i nodi che il giudice delle udienze preliminari del tribunale di Vicenza dovrà sciogliere anche quella relativa alla legittimità costituzionale del decreto 99/2017 che discrimina gli azionisti truffati dagli altri risparmiatori delle banche in default. In buona sostanza, il decreto prevede il risarcimento per gli obbligazionisti e non per gli azionisti. I due avvocati pratesi hanno insistito tantissimo su questa discrepanza, ancora di più adesso che il tribunale di Roma che sta trattando il crac di Veneto Banca ha ammesso, a differenza di quanto fatto da Vicenza, Banca Intesa come responsabile civile. Una differenza che si traduce col fatto che gli azionisti di Veneto Banca possono rivalersi sull'istituto di credito subentrato, mentre quelli di BpVi che si trovano nelle stesse condizioni, che hanno subito lo stesso tipo di danno e che sono rimasti impigliati nello stesso meccanismo, non possono farlo. Querci e Meucci hanno portato al giudice un vasto ventaglio di argomentazione richiamando non solo la Carta costituzionale ma anche normativi e dettati internazionali che riconoscono il diritto delle persone offese ad ottenere il risarcimento. “Abbiamo spiegato che c'è un problema enorme che consiste nel pregiudicare in maniera definitiva la possibilità di promuovere l'azione risarcitoria – spiega l'avvocato Meucci – viene meno l'effettiva tutela della persona offesa in violazione di diversi articoli della Costituzione, della Convenzione europea dei diritti dell'uomo e delle direttive del Parlamento europeo”.
L'udienza è stata aggiornata ad aprile.   
nadia tarantino

 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  17.02.2018 h 07:38

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.

 
 
 
 

Dossier