28.10.2021 h 19:03 commenti

Costo energia, patto tra artigiani e industriali per salvare la filiera

Vertice tra Cna, Confartigianato e sezione Moda di Confindustria dopo l'allarme per il rialzo delle tariffe: “L’intera filiera tessile è in ginocchio. L’aumento dei costi energetici rischia di far chiudere il distretto”
Costo energia, patto tra artigiani e industriali per salvare la filiera
Il forte rialzo dei costi energetici è stato il tema che nei giorni scorsi ha visto sedersi allo stesso tavolo Confartigianato Imprese Prato, Cna Toscana Centro e la Sezione Moda di Confindustria Toscana Nord per capire come affrontare al meglio un aggravio che inevitabilmente si abbatte con forza sul distretto tessile pratese in particolare per quanto riguarda le relazioni tra aziende committenti e terziste.
Un incontro estremamente positivo, dove anche Confindustria, che rappresenta gran parte dei committenti ma anche diversi terzisti, ha manifestato piena consapevolezza della necessità che, alla luce degli aumenti dei costi energetici, in molti casi andranno rimodulati gli importi dei compensi di lavorazione delle aziende terziste e che, a tal proposito, attiverà un’opera di sensibilizzazione presso i propri associati”.
“L’incontro è stato senz’altro positivo – commenta il presidente nazionale dei Tessili Confartigianato, Moreno Vignolini – Del resto sono consapevole che a questi tavoli siedono tutte persone che hanno veramente a cuore il distretto. Sarà tuttavia importante monitorare quella zona franca, dove soggetti non appartenenti ad alcuna associazione, potrebbero continuare a operare in situazioni anomale con atteggiamenti vessatori verso le aziende terziste. Unico rammarico è la mancata adesione da parte di Confindustria a una comunicazione unitaria su questi temi, che avrebbe rappresentato un segnale importante e più forte per tutti gli operatori del distretto”.
Aggiunge il presidente di Federmoda Cna Francesco Viti : “E’ innegabile che la filiera sia tutta in sofferenza, dai committenti ai terzisti, ed è chiaro che, ora più che mai - a fronte di un aggravio dei costi dell’energia che pesano per oltre il 40% sui fatturati medi di un’azienda terzista - nessuna azienda è più in grado di assorbire, come abbiamo fatto da sempre, questa ulteriore batosta.  Per questo è necessario richiamare le produzioni e  i brand  alle loro responsabilità e spingere per una revisione generale dei compensi di lavorazione imposti all’intera filiera, perché il distretto non può più sostenere, oltre ai costi degli investimenti, anche gli aumenti dell’energia. Adesso più che mai serve un’azione unitaria di tutto il distretto, compatto, anche verso i nostri livelli nazionali, con il supporto e il coinvolgimento di tutti i parlamentari dell’area, per introdurre in legge di bilancio strumenti e risorse da destinare al sostegno dell’intera filiera tessile”.
 

Data della notizia:  28.10.2021 h 19:03

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.