03.04.2021 h 18:00 commenti

Contagi nelle aziende, la Cgil chiede un confronto con associazioni degli imprenditori, Asl e Inail

Crescono le denunce di infortuni sul lavoro causa Covid-19 e Prato è la terza provincia per incidenza percentuale, preceduta solo da Firenze e Pisa
Contagi nelle aziende, la Cgil chiede un confronto con associazioni degli imprenditori, Asl e Inail
"Il virus a Prato corre anche nei luoghi di lavoro. A certificarlo ci sono i dati". E' quanto afferma Lorenzo Pancini, segretario generale della Cgil di Prato, in base ai dati  forniti dall'Inail sui primi due mesi dell'anno: a gennaio e febbraio le denunce di infortuni sul lavoro causa Covid-19 sono state 84 (+5,8% rispetto a dicembre 2020), facendo salire a 795 quelle totali dal 1 gennaio 2020, e hanno coinvolto 690 donne e 185 uomini; Prato è la terza provincia per incidenza percentuale (9,7%) sul totale dei casi toscani registrati nel periodo 1 gennaio 2020 - 28 febbraio 2021 (8.244), preceduta da Firenze e Pisa.    
"E' vero che Prato, con la più alta incidenza di contagi in Italia su 100 mila abitanti, è inserita in un'area a forte mobilità di persone e merci - dice Pancini -, ma questo non giustifica ignorare il fenomeno di una circolazione del virus che non si ferma certo agli ingressi dei luoghi di lavoro, come attestato da Inail e Asl. Anzi l'intensità dei contagi, stando sempre al report Inail, è in aumento, peraltro in tutte le province toscane". 
"Credo - prosegue - che una verifica puntuale sull'applicazione dei protocolli vada fatta quanto prima anche a Prato, con le associazioni degli imprenditori. Come ritengo necessario che si apra rapidamente un tavolo di confronto con Asl e Inail, partendo dall'analisi della mappatura dei contagi in possesso degli istituti, che potrebbe aiutare, in modo mirato, anche la nostra azione di verifica e tutela". 
 
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  03.04.2021 h 18:00

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.