16.05.2018 h 11:27 commenti

Chiuso dall'Asl bar di via Zarini dopo il controllo dei carabinieri del Nas

All'interno del locale scarsa igiene e cattiva conservazione degli alimenti. A Carmignano sequestrata ditta di confezioni che faceva lavorare a nero sette operai. Per la titolare anche una multa da 70mila euro.
Chiuso dall'Asl bar di via Zarini dopo il controllo dei carabinieri del Nas
L'Asl di Prato ha disposto la sospensione temporanea totale dell’attività nei confronti del bar “Occhi a Mandorla” di via Zarini a causa della scarsa igiene e della cattiva conservazione degli alimenti. Il provvedimento è stato adottato dopo il controllo congiunto effettuato dai carabinieri di Prato e dai militari del Nas di Firenze. 
L'ispezione rientra in una vasta operazione di controllo svolta anche con l'ausilio del cane antidroga Batman e che ha portato i carabinieri in diversi bar ed esercizi commerciali della città. In questo contesto i militari della Tenenza di Montemurlo hanno arrestato un cinquantenne congolese, residente a Prato e pregiudicato, per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L'uomo è stato fermato in via Convenevole mentre cedeva due grammi di hashish ad un pregiudicato italiano. Nel corso della perquisizione personale è stato  trovato in possesso di ulteriori quaranta grammi della medesima sostanza. L’italiano, anch’egli residente a Prato, è stato segnalato quale assuntore.
I carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno invece eseguito il provvedimento di aggravamento di misura un pregiudicato rumeno quarantunenne che aveva violato la misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria a Prato. L'uomo è stato portato in carcere.
I carabinieri delle Stazioni di Poggio a Caiano e Carmignano hanno invece svolto con altri enti un servizio interforze di verifica ambientale in due opifici. La titolare di nazionalità cinese della CWK Fashion con sede a Carmignano in via Torricelli è stata denunciata in stato di libertà per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina poiché all’interno dell’azienda sono stati controllati sette lavoratori in nero. A carico della titolare sono state inoltre elevate sanzioni amministrative per un valore di circa settantamila euro, mentre l’attività lavorativa è stata sospesa e l’immobile sottoposto a sequestro per gravi violazioni nella destinazione d’uso.
 
 
Edizioni locali collegate:  Prato Comuni Medicei

Data della notizia:  16.05.2018 h 11:27

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.