16.02.2017 h 13:04 commenti

Chiedono 300 euro per far riavere l'iPhone rubato: in manette i titolari di un bar

I carabinieri del Nucleo Investigativo hanno arrestato un uomo e una donna che avevano cercato di estorcere il denaro ad un 22enne. Il giovane si è rivolto ai militari che hanno teso la trappola
Chiedono 300 euro per far riavere l'iPhone rubato: in manette i titolari di un bar
Hanno cercato di estorcere 300 euro ad un ragazzo cinese di 22 anni per fargli riavere l'iPhone 6 che gli era stato rubato. All'appuntamento, però, il giovane si è presentato insieme ai carabinieri del Nucleo Investigativo, che hanno atteso il passaggio dei soldi per entrare in azione e ammanettare i due estorsori: un uomo e una donna, connazionali della vittima, titolari di un noto bar di via Filzi.
Determinante il coraggio della vittima che, nonostante la paura, ha fatto la cosa giusta, presentandosi in caserma e raccontando l’accaduto. La brutta avventura per la giovane vittima si è quindi conclusa bene, con il recupero del cellulare e del denaro.
La pratica del “cavallo di ritorno”, ossia della proposta estorsiva di ricevere denaro in cambio della restituzione di un bene rubato, è principalmente diffusa al sud Italia, ma, a quanto pare, sta diventando anche prassi nella chinatown pratese. I due arrestati ora dovranno rispondere del reato bene più grave di estorsione invece del “solo” furto. 
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  16.02.2017 h 13:04

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.